Calcio – Matteo Patti: “A Castrovillari giocata una gara attenta”

0
2

Avellino – Ormai è divenuto un elemento insostituibile per la linea arretrata biancoverde, un giocatore fondamentale per lo scacchiere irpino. Matteo Patti, per impegno e costanza nel rendimento, si è meritato in pieno la maglia da titolare ed anche a Castrovillari ha sfoderato una prestazione da incorniciare.

Una vittoria che vale tanto quella contro i rossoneri del Castrovillari, visto che precede un periodo decisivo caratterizzato da diversi scontri diretti, per voi questo sarà il mese più importante?
“Le partite decisive sono iniziate da un bel po’ e a maggior ragione non possiamo fermarci ma camminare spediti verso l’obiettivo dei play-off. Abbiamo ottenuto una bella vittoria, ma non dobbiamo fermarci. Bisogna agganciare presto gli spareggi”.
Qualche rimpianto per i punti persi in casa?
“Non c’è tempo di pensare a ciò che è successo, dobbiamo solo guardare avanti”.
Difesa molto più attenta, merito forse anche di Apuzzo che vi da maggiore sicurezza?
“Quando vanno bene le cose il merito è di tutti, così come, quando vanno male, siamo tutti colpevoli. Non è il rendimento dei singoli elementi a cambiare le sorti di una partita”.
Si è visto un Avellino che ha giocato con equilibrio, segnando meno di altre trasferte, ma che di sicuro non ha rischiato?
“Dovevamo disputare una partita accorta, attenta, senza troppi fronzoli e ci siamo riusciti”.
C’è stato il ritorno al goal di Biancone dopo quattro mesi, anche questa è da considerarsi una bella notizia?
“Siamo tutti importanti e nessuno indispensabile, i campionati si vincono grazie all’intera rosa. Cristian è stato bravo a farsi trovare subito pronto. Sono contento per lui perché ora abbiamo bisogno anche dei suoi goal. Speriamo che domenica possa ripetersi e darci una mano a raggiungere un’altra vittoria”.
Al Rende c’è stato un maggiore supporto del pubblico, forse state riconquistando i tifosi?
“Assolutamente no, non abbiamo ancora fatto nulla. Siamo in debito con loro, consapevoli che per accendere l’entusiasmo in questa città ci vuole veramente poco. Noi siamo ‘ospiti’, la maglia è loro e dobbiamo onorarla al massimo per raggiungere i risultati per cui siamo stati ingaggiati”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here