Avellino – Mercatone: il Comune paga, non chiude il cantiere

0
3

Avellino – Pericolo scampato e niente stop ai lavori al Mercatone di Avellino. Il completamento del primo lotto, che ha rischiato di arenarsi per mancanza di fondi, dovrebbe essere terminato per il 30 settembre come previsto. Torna, così, il sereno anche tra i dipendenti dell’impresa appaltatrice a rischio disoccupazione e con due mesi di stipendio arretrato.
Questa mattina, infatti, nel corso dell’incontro promosso dalla Feneal, in rappresentanza dei venti lavoratori, e a cui hanno partecipato i titolari dell’impresa, il vicesindaco di Avellino Gianluca Festa, l’assessore D’Avanzo e il dottor Testa, responsabile rup del Comune, si è riusciti a trovare una soluzione soddisfacente per tutti. La giunta Galasso, infatti, si è impegnata a pagare i primi due stati di avanzamento presentati dall’impresa in due trance. Il primo pagamento di 150mila euro sarà fatto subito, il secondo per i restanti 250mila entro settembre. E’ stata inoltre approvata questa mattina stessa la perizia di variante al primo lotto di lavori, presentata a marzo, che permetterà di apportare modifiche di miglioramento qualitativo alla struttura.
“Siamo soddisfatti per l’accordo stipulato questa mattina – ha dichiarato il segretario provinciale della Feneal Carmine Piemonte – Grazie all’impegno assunto dal Comune di Avellino, infatti, non solo potranno essere completati i lavori come previsto, ma gli operai saranno regolarmente pagati. Parliamo di venti persone tra diretti e indiretti che da due mesi vivevano senza retribuzione e rischiavano di non lavorare per i prossimi due. Il vicesindaco Festa e la giunta Galasso hanno dimostrato molta disponibiltà e preso nell’immediato impegni importanti che garantiranno il pagamento degli stati di avanzamento presentati dall’impresa, che potrà in questo modo superare il momento di difficoltà. Con il completamento di questo primo lotto, cioè delle sedi dei Vigili Urbani e della Global Service, si potrà anche dare avvio al secondo, permettendo una nuova ricaduta occupazionale”.
“L’incontro di questa mattina – ha concluso Piemonte – ci ha permesso anche una riflessione su un’altra importante opera pubblica di Avellino, che rischia di restare incompiuta. La Feneal e la Camera sindacale invitano la Regione ad accelerare i tempi per quanto riguarda il finanziamento dei lavori di completamento del tunnel. Intorrempere l’opera significherebbe infatti perdere ulteriori posti di lavoro, oltre che lasciare a metà una struttura che attraversa il centro del capoluogo. Auspichiamo, per questo, che Caldoro e la sua giunta assicurino al comune di Avellino la copertura finanziaria necessaria”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here