Air, il ritorno di Giuvà: sarà il nuovo responsabile delle giovanili

0
7

Avellino – Presentato nel pomeriggio al Del Mauro il nuovo responsabile tecnico del settore giovanile della Scandone Avellino Giovanni Dalla Libera, vecchia gloria del team biancoverde di cui ha fatto parte nel maggio 2000, anno della promozione in massima serie dell’Avellino. L’Ad del sodalizio irpino Luigi Ercolino ha illustrato il programma delle giovanili per la prossima stagione.
“Se una grande società non può prescindere dalla costruzione di un buon settore giovanile – ha esordito Luigi Ercolino – in una piccola realtà come Avellino abbiamo l’obbligo di investire nei giovani per guardare con più fiducia al futuro. Siamo qui per presentate un nuovo ciclo, un nuovo progetto che sarà costruito attraverso un gruppo di allenatori preparati ed affidabili guidati da Giovanni Dalla Libera, che insegneranno basket ai nostri ragazzi. Questo progetto non ha solo una valenza sportiva, ma anche sociale: vogliamo coinvolgere quanti più giovani possibili e in quest’ottica non posso che ringraziare società come la Vito Lepore o il Libero Basket, da sempre società di riferimento per i ragazzi ad Avellino con le quali collaboreremo”.

FOTOGALLERY Il primo giorno di scuola per Dalla Libera

La parola è poi passata a Giovanni Dalla Libera: “Ho ritrovato persone con le quali ho lavorato e ho consolidato ottimi rapporti. Avellino è una realtà che deve continuare a lavorare sul settore giovanile come sulla prima squadra. Arrivo e metto a disposizione la mia esperienza. Ho voglia di lavorare tanto perché è l’unico modo per ottenere risultati. I risultati però non vengono da soli e bisogna darsi da fare fin da subito, e penso e mi auguro che Avellino possa raggiungerli così come li ha raggiunti con la prima squadra. Possiamo attingere da un grande bacino, vista la vastità della provincia irpina. Io voglio lasciare qualcosa in ogni ragazzo e questo per me è importante quanto i risultati. Organizzare un settore giovanile non è facile ma tutti devono mettersi allo stesso piano superare le difficoltà andare avanti e credere nel lavoro che si fa”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here