VIDEO/ Violenza sulle donne, l’allarme di Cantelmo e Lomazzo: “Esiste un diritto al rispetto”

14 gennaio 2019

Renato Spiniello – “Dal 2017 in Irpinia le denunce per maltrattamenti, violenza e stalking nei confronti di donne sono più di 490, il che significa che ogni giorno e mezzo una donna bussa alla porta di un ufficio di polizia per denunciare reati del genere. Un dato che in nessun’altra provincia ha numeri così preoccupanti”.

A lanciare l’allarme è il Procuratore della Repubblica di Avellino Rosario Cantelmo, a margine della presentazione del libro di Marco Petrillo “Donne Bambine, Colonne e Regine”, in programma questo pomeriggio al Circolo della Stampa del capoluogo irpino.

“E’ un’escalation di violenza senza fine” ha aggiunto il capo dei pm avellinesi durante il suo intervento, per poi leggere alcuni passaggi di testimonianze di donne vittime di violenza da parte dei proprio partner. “Una ha raccontato di come ha dovuto cambiare il suo modo di vivere a causa di quelle minacce quotidiane” ha spiegato Cantelmo. La donna, infatti, continuava a cambiare sempre i propri itinerari, per non dar modo all’ex compagno violento di seguirla. Tuttavia, la vittima, lavorando come commessa, aveva turni pre-stabiliti e una volta è stata addirittura picchiata selvaggiamente all’interno dell’esercizio commerciale in cui lavorava.

“La via giudiziaria in casi di violenza di genere non è l’unica soluzione – continua il Procuratore – E’ un problema di mentalità: uomini e donne devono capire che queste ultime hanno diritto a non essere violentate, picchiate e stalkerizzate. Esiste un diritto al rispetto e fin quando tutti quanti non cambieremo in maniera convinta non si avrà una soluzione a questo problema”.

“C’è un trend da invertire soprattutto qui in Campania – ha aggiunto la Consigliera di Parità per la Regione Campania Mimma Lomazzo – per farlo occorre tanta sensibilizzazione nelle scuole, oltre ai centri di ascolto e anti-violenza. Bisogna invertire la cultura e i rapporti diseguali che ci sono tra uomo e donna, soprattutto a livello economico”.