VIDEO / Quattro nuovi posti letto, il “Landolfi” ricomincia a respirare dalla terapia intensiva

29 giugno 2020

Alfredo Picariello – L’ospedale “Landolfi” di Solofra ricomincia a respirare dalla terapia intensiva. Una vera e propria boccata d’ossigeno per l’importante nosocomio irpino, arriva grazie al finanziamento della Regione Campania di 529mila euro per il reparto di terapia intensiva. 110mila euro serviranno per i lavori, 200mila per le attrezzature, 12mila per altre spese. Ai 529mila euro, si andranno ad aggiungere i 132mila raccolti dai Comuni del comprensorio grazie alla sensibilità e al contributo di cittadini e imprenditori.

Il reparto di terapia intensiva di Solofra avrà quattro posti letto in più. “Ovviamente per noi è solo un primo passo – afferma il primo cittadino del paese della concia, Michele Vignola, in una conferenza stampa congiunta con i colleghi di Serino (Vito Pelosi) e di Montoro (Girolamo Giaquinto) -. Saremo attenti e vigili. Innanzitutto, speriamo che il ministero confermi il piano della Regione. Poi incontreremo il manager dell’azienda ospedaliera Moscati per definire insieme i tempi e le modalità di attuazione del piano. Seguiremo con attenzione l’iter dei lavori ma già dall’inizio, perché il progetto deve passare, ovviamente, per l’ufficio tecnico del Comune di Solofra”.

“Oggi raccogliamo i primi frutti di un’azione organica che ha messo sempre al centro la qualità dei servizi di un importante pezzo d’Irpinia”, sottolinea Giaquinto. “A gennaio, con il consiglio comunale congiunto di ben 28 comuni, questa cosa sembrava lontanissima da attuare. In questo modo, invece, sappiamo che non siamo soli, perché c’è il mondo politico-istituzionale che si fa carico di un problema fondamentale per i nostri territori”.

“La nostra – prosegue il sindaco di Montoro – non è una mera azione campanilistica, una sterile rivendicazione territoriale. L’ospedale Landolfi non soddisfa soltanto le esigenze di Solofra, Serino e Montoro – il che già sarebbe una cosa importante – ma di tanti altri comuni, anche di fuori provincia. Si tratta, inoltre, di un nosocomio facilmente raggiungibile. Va tutelato e rilanciato, insomma”.

Ovviamente d’accordo anche il sindaco di Serino. “Il Landolfi è una risorsa per la provincia di Avellino, non un problema. Noi primi cittadini stiamo soltanto portando alla luce le esigenze e le istanze degli abitanti dei nostri territori che ci chiedono di mettere l’ospedale di Solofra sotto una lente d’ingrandimento. Insieme ce la stiamo facendo, insieme ce la faremo”.