VIDEO/ Patto Sviluppo, l’Irpinia ci riprova. Basso: “Futuro occupazione è manifatturiero”

21 novembre 2016

Si muove lungo tre direttrici il documento alla base del documento del Patto per lo Sviluppo in Irpinia, così come rilanciato dalle parti sociali e da Confindustria Avellino.

Questa mattina la conferenza stampa di presentazione presso la sede dell’Unione degli Industriali di via Palatucci alla presenza di Sabino Basso e dei riferimento provinciali di Cisl, Mario Melchionna, Cgil, Franco Fiordellisi, e Uil, Luigi Simeone.

Tutela dell’ambiente, infrastrutture e banda larga sono i tre filoni lungo i quali verrà riproposto il Patto.

Un Patto che per bocca di Basso, “… è stato ripensato e rimesso in moto dopo mesi di raffreddamento. Abbiamo il sostegno della Regione Campania. L’assessore alle Attività Produttive Lepore è stato messo al corrente di questa conferenza e dopo il 4 dicembre terrà un pubblico incontro ad Avellino”.

Ancora.

Ho letto alcune dichiarazioni rilasciate dal sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi – riferisce Basso -, secondo cui l’era industriale starebbe per finire, motivo per cui si dovrebbe guardare verso altri orizzonti. La verità è che noi siamo già ben oltre l’industria 4.0 ed è per questo che sarebbe veramente strano poter immaginare che turismo e quant’altro possano portare occupazione nel breve periodo. Il futuro dell’occupazione resta il manifatturiero”.

Valle del Sabato, Distretto della Concia ma non solo. Basso entra nel merito del tema dell’inquinamento nelle aree industriali d’Irpinia: “Tra i filoni sensibili inseriti nel patto per lo sviluppo c’è quello del contrasto all’inquinamento – dice -. E’ un tema a noi caro, verso il quale non abbassiamo mai la guardia. Ma è chiaro che su questo aspetto non va fatta di tutta una erba un fascio. I farabutti ci sono così come ci sono gli imprenditori seri anche se non è giusto additare subito l’impresa e l’azienda ogni val volta si scorge una canna fumaria al lavoro. Anzi – aggiunge Basso – mi viene da pensare che anche nel campo dell’agroalimentare esistono inquinanti ben più pericolosi. In ogni caso, chi inquina va perseguito senza se e senza ma”.

Per Mario Melchionna, numero uno della Cisl Irpinia Sannio, il Patto per lo Sviluppo “… dovrà diventare il programma di Governo per l’Irpinia”.

Per Franco Fiordellisi della Cgil irpina, “… il tavolo è inclusivo e aperto alla collaborazione di tutti”, mentre per Luigi Simeone della Uil, il “… patto nei mesi scorsi ha fatto i conti con la fragilità della struttura politica in Irpinia. Ed è per questo motivo che oggi dobbiamo riprovarci fermo restando che lo stesso Patto ha comunque raggiunto traguardi positivi”.

 


Commenti

  1. […] ha sbottato Basso a margine della conferenza stampa che si è tenuta stamane in Confindustria sul Patto per lo Sviluppo – Caterini vuole fare il protagonista, chiedo a tutti di aiutarmi a far ragionare questa […]