VIDEO / “Occhio all’aumento del consumo di droga in Irpinia”. Cantelmo da Sant’Angelo dei Lombardi lancia l’allarme

5 dicembre 2019

Alpi – Bullismo, droga e camorra possono essere fenomeni tra di loro collegati. Lo fa intuire chiaramente, a margine del suo intervento nel corso del convegno, il Procuratore capo di Avellino, Rosario Cantelmo. L’analisi parte dal fenomeno criminalità organizzata in Irpinia. “Mi sembra – dice – che la Procura avesse ragione quando diceva che c’era scarsa attenzione sulla camorra in provincia di Avellino. Ora ci sono dei ricontri oggettivi, quindi l’allarme e l’attenzione sono stati adeguati. La camorra in Irpinia c’è, questo è evidente: c’è poco da meravigliarsi”.

Cantelmo, da Sant’Angelo dei Lombardi, lancia un nuovo allarme: “E’ grave, a mio avviso, la sottovalutazione del fenomeno del consumo di sostanze stupefacenti. Se la richiesta, come sembra, aumenta, vuol dire che la camorra non lascerà mai in mano al piccolo spacciatore, al piccolo bullo, lo spaccio”.