VIDEO/ Smog in città: Priolo chiama, i sindaci rispondono. Ma blocco auto solo ad Avellino

27 febbraio 2019

Renato Spiniello – No al blocco delle auto inquinanti nei comuni limitrofi, ma sulle limitazioni al riscaldamento domestico e per gli abbruciamenti di residui vegetali i sindaci aprono al Commissario Prefettizio Giuseppe Priolo.

Tavolo tecnico sull’inquinamento stamane a Palazzo di Città, alla presenza, oltre di Priolo, del dirigente Luigi Cicalese, dei primi cittadini o loro delegati dei comuni limitrofi, a eccezione di Contrada, e dei rappresentanti di Asl e Arpac.

Si parte dalla conferma dell’accordo stipulato lo scorso gennaio 2018, che sarà integrato con nuove proposte per poi essere successivamente formalizzato in un nuovo vertice a Palazzo di Governo.

“Abbiamo già firmato una convenzione con il Comune di Avellino per le azioni da mettere in campo per combattere le polveri sottili nell’aria – ha precisato il Sindaco di Montefredane Valentino Tropeano a margine dell’incontro – daremo fino in fondo il nostro contributo tuttavia è evidente che le azioni che possiamo mettere in campo noi comuni limitrofi sono diverse. Non avrebbero senso, ad esempio, chiusure al traffico ma abbiamo già emanato delle ordinanze per ridurre gli abbruciamenti di residui vegetali nei terreni. Più in futuro potremmo pensare inoltre a degli incentivi per riconvertire sistemi di riscaldamento quali termocamini e stufe a pellet”.

Della stessa linea anche il Sindaco di Atripalda Giuseppe Spagnuolo. “Ripeteremo di sicuro l’ordinanza per vietare gli abbruciamenti dei residui vegetali fino al 15 aprile, lo stesso vale per le limitazioni orarie al riscaldamento domestico- ha assicurato il primo cittadino – Per quanto riguarda il blocco delle auto inquinanti valuteremo durante il tavolo tecnico, anche se chiudere soltanto delle strade centrali ad Atripalda non credo abbia senso in quanto sposti semplicemente l’inquinamento da traffico da un punto all’altro”.