VIDEO / Loro, gli angeli della Rianimazione del “Moscati”, al lavoro giorno e notte

28 marzo 2020

Alpi – Angeli o eroi, poco cambia. Sono i nostri “salvatori”, i più esposti, coloro che mettono a rischio la propria vita, e quella dei loro familiari (molti di loro, per tutelari, o non li vedono da giorni oppure lo fanno per il minimo indispensabile) per salvare altre vite umane. Turni massacranti, anche di oltre 24 ore. Una vita spesa al servizio di quel reparto, al servizio degli altri. Lo fanno da sempre. Non si fermano davanti a nulla. Ma, da più di un mese, il ritmo a cui sono sottoposti è “infernale”.

Sono gli operatori dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’Azienda Ospedaliera Moscati di Avellino. Li vediamo impegnati nel loro reparto, al lavoro, intenso e pericoloso, che fanno ogni giorno. 10 i pazienti affetti da Covid-19 ai quali devono accudire. Giorno e notte, notte e giorno.

Un lavoro instancabile. Professionisti in prima linea, senza mai risparmiarsi, sotto la preziosa guida del responsabile Angelo Storti. Senza di loro, tutto sarebbe inutile.