VIDEO / “La verità è quella che racconto io, non ascoltate le fake news”. Notte “brava”, la versione del sindaco Festa

1 giugno 2020

Alfredo Picariello – La versione di Gianluca Festa. Dopo 48 ore ormai dalla “notte brava” del sindaco di Avellino in via De Concilii, credevamo che a mente fredda il primo cittadino cominciasse ad avere qualche ripensamento sul suo comportamento non proprio consono, ben immortalato anche dalla immagini. Niente da fare, Festa non fa nessuna marcia indietro. Anzi, il più delle volte, così come ha fatto sulle tv nazionali, rilancia, facendosi passare per l’ “eroe” della serata.

Complice di tutto ciò, anche l’ennesimo appoggio quasi incondizionato della sua maggioranza e della sua giunta. Questa mattina nella sua stanza c’è stato un via vai di consiglieri ed assessori. Tutti compatti. A quanto sembra. Due consiglieri comunali alleati, infatti, si dissociano. E sono Alessandra Iannuzzi e Mirko Petruzziello.

Ma Festa, come detto, tira dritto. “Queste 48 ore credo siano servite a ripristinare la verità dei fatti. Mentre mi stavo dirigendo a prendere l’auto per ritornare a casa, mi sono imbattuto in un assembramento di circa 300 ragazzi abbastanza euforici, qualcuno credo avesse anche alzato il gomito. Visto che non sono il tipo che si tira indietro, ho deciso di intervenire, poi ho anche chiamato vigili e questura che ringrazio per essere prontamente intervenuti”.

“Ma in quel momento – sottolinea il sindaco di Avellino – dovevo fare qualcosa perché c’era un vero e proprio rischio per l’ordine pubblico. Con i ragazzi bisogna discutere, dialogando sono riuscito a conquistare la piazza e a far scemare l’entusiasmo. Il vero rischio era quello che nascesse qualche scaramuccia. Non c’era altra cosa da fare, era opportuno”.

“Il mio compito è stato quello di sedare gli animi, sono riuscito a connettermi con loro e a portarli sulle mie posizioni. C’era un pericolo, dovevo intervenire, sono sicuro di aver fatto bene. Non ci sto a chi ha costruito castelli sul niente, il sindaco non ha aizzato nessuna folla. L’opposizione chiede le dimissioni? Mi fanno tenerezza. Sono intervenuto per salvaguardare i ragazzi, quella che racconto io è la verità”.