VIDEO/ La difesa è sempre legittima: avellinesi d’accordo con la riforma di Salvini

25 ottobre 2018

La riforma della legittima difesa supera il primo banco di prova del Senato e ora si appresta a incassare il via libera definitivo da parte della Camera dei Deputati. Il testo è passato con 195 favorevoli, 52 contrari e un astenuto e l’obiettivo del Governo giallo-verde è quello di arrivare all’approvazione della legge entro la fine dell’anno solare.

Le principali novità è che la legittima difesa, di fatto, è sempre presunta, ovvero si riconosce sempre proporzione tra offesa e difesa “se taluno legittimamente presente nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi, usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere la propria o la altrui incolumità, i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo di aggressione”.

Non solo. L’articolo 1 del ddl allarga anche le ‘situazioni’ in cui viene esclusa la punibilità e affinché scatti la legittima difesa non è necessario che il ladro abbia un’arma in mano, bensì è sufficiente la sola minaccia di utilizzare un’arma.

Via libera anche all’articolo 2 della riforma, per il quale hanno votato anche i senatori del Partito Democratico. L’articolo stabilisce che è esclusa la punibilità di chi ha agito per la salvaguardia della propria o altrui incolumità “in condizioni di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto”.

Non mancano tuttavia i punti controversi del testo, come la parola “sempre” che, di fatto, allarga notevolmente le maglie della legittima difesa. Ad Avellino i cittadini, per quanto divisi sul tema, sembrano più soddisfatti del testo approvato a Palazzo Madama e tanto voluto dalla Lega di Matteo Salvini.