VIDEO / “In Campania siamo i migliori, ora dobbiamo diventare tra i più bravi d’Italia”. Differenziata, Irpiniambiente rilancia

2 Luglio 2020

Alfredo Picariello – “In Campania siamo i migliori, ora dobbiamo diventare tra i più bravi d’Italia”. Per Domenico Biancardi, presidente dell’amministrazione provinciale di Avellino, e il management di Irpiniambiente (società partecipata al 100% dalla Provincia, ndr), il 70% di raccolta differenziata dei rifiuti raggiunto in Irpinia, è soltanto un punto di partenza e non di arrivo.

Ecco perché Provincia e società puntano molto sulla comunicazione istituzionale. “La comunicazione pubblica ha un ruolo fondamentale. Vari mezzi tra di loro integrati, quindi anche i social, possono far arrivare il messaggio a tutti”, dice Matteo Sperandeo, amministratore unico di Irpiniambiente. Il punto di partenza della nuova campagna di comunicazione è il continuo miglioramento nella qualità della raccolta e della selezione dei materiali.

“Oggi non basta più fare la raccolta differenziata, è importante sistemare correttamente i vari materiali. Ogni cittadino deve perdere ogni giorno solo un paio di minuti per effettuare una buona differenziazione dei rifiuti: non serve molto, ma i vantaggi sono tanti”, sottolinea Massimo Santucci, dell’amministrazione Achab Med che, insieme a Irpiniambiente, si occupa di questa nuova campagna di comunicazione e di sensibilizzazione.

L’obiettivo è inculcare in tutti i cittadini la corretta gestione delle confezioni Tetra Pak che devono essere raccolte, dopo essere state svuotate e schiacciate, nel multimateriale con plastica e metalli. E’ stato realizzante un accattivante spot pubblicitario nel quale il tetra pak “dice”: ci sono anch’io, proprio per far percepire a tutti l’importanza di un suo corretto smaltimento.

“E’ fondamentale effettuare una selezione attenta dei rifiuti”, incalza Sperandeo. “Oggi abbiamo davanti a noi la sfida dell’economia circolare, ma il tutto deve partire a livello domestico, è nella abitazioni che si comincia a fare una corretta raccolta differenziata. Noi dobbiamo riciclare quanto più è possibile. La differenziata non consente soltanto vantaggi ambientali ma anche economici. Dobbiamo porci obiettivi importanti e guardare chi sta più avanti di noi. La Campania, purtroppo – aggiunge l’amministratore di Irpiniambiente – non è tra le migliori regioni in termini di raccolta differenziata. Fa peggio di noi solo la Basilicata”.

Ribadisce che il 70% è soltanto un punto di partenza Armando Masucci, direttore generale di Irpiniambiente. “Abbiamo programmi a lungo termine e puntiamo soprattutto su una vera e propria svolta culturale dei cittadini a tutti i livelli”.