VIDEO/ Il piccolo Ascanio e la sua letterina prima dell’operazione: “Babbo Natale fammi guarire e aiuta la mia famiglia”

24 dicembre 2019

Il piccolo Ascanio Festa, di origine irpina, dopo tre operazioni al cuore deve ora andare in America per operarsi nuovamente. Sarà una operazione delicatissima a cuore aperto e i genitori, Saverio di Mercogliano e la mamma Milena, dovranno affrontare ingenti spese.

E’ partita la gara di solidarietà per aiutare questa famiglia: basta una piccola donazione, tramite Bonifico.Questi i riferimenti: Banco BPM Conto intestato a Saverio Festa e Milena Pascuzzi IT92K0503410402000000004638 Causale: DRITTI AL CUORE DI ASCANIO

Questa è la toccante lettera che Ascanio ha scritto a Babbo Natale insieme alla sua mamma:

Ciao Babbo Natale, quest’anno la mia lettera sarà un po’ più lunga del solito perché voglio presentarmi. Io sono quel bambino di nome Ascanio che è nato poco più di 4 anni fa. Mi hanno operato la prima volta a 5 giorni di vita. Gli interventi sono stati 1,2 e il terzo a 3 mesi di vita a cuore aperto. Dopo l’intervento non riuscivo più a mangiare, una corda vocale è stata danneggiata in modo irreversibile e irreparabile e l’infermiera si metteva di notte insieme alla mia mamma ad imboccarmi col cucchiaino il latte addensato. Beh ma le cose belle non sono mancate, ho conosciuto tanti bravi dottori e tanti bambini che mi hanno tenuto compagnia in questo viaggio. Mi raccomando Babbo Natale sii generoso con loro perché sono dei bimbi speciali e ricordati di quelle mamme inconsolabili che i loro bimbi non possono più abbracciare. Li ho visti mentre volavano in cielo perché erano così vicini a me che potevo persino toccarli con la mano! Poi l’anno scorso un altro intervento a cuore aperto e che palle però! La consapevolezza del dolore io ce l’avevo e ogni volta che dicevo mi sento male, alla mia mamma venivano gli occhi lucidi. Comunque Caro Babbo Natale adesso la mia mamma ha fatto i passaporti per prendere un aereo grande grande, non come quello piccolo che ci porta dai nonni a Mercogliano, mi dice che andremo a Boston al Children Hospital, sarà un viaggio costellato di speranza e coraggio. Dovrò affrontare due delicati interventi al cuore, uno in emodinamica ed uno a cuore aperto; la mia mamma ha aperto una raccolta fondi per un piccolo aiuto economico, quindi per questo natale ti chiedo solo di farmi guarire e di aiutare i miei genitori. Poi se proprio puoi farlo magari portami anche una bella macchinina. Ciao Babbo Natale ti aspetto presto! Ah e non ti dimenticare di portare anche un osso per Pippo perché lui non riesce con le zampe a scriverti la lettera!!

Servizio di Enzo Costanza