VIDEO/ Gambacorta e De Luca, appelli a Mattarella: “Irpinia in preda allo spopolamento. Non si cancelli la Stazione Hirpinia”

5 settembre 2018

Renato Spiniello – “Presidente Mattarella, benvenuto in Irpinia. Ad accoglierla un popolo fiero e orgoglioso che però vede i propri figli andare via con un ritmo che non si registrava da quarant’anni”.

E’ il Sindaco di Ariano Irpino, nonché Presidente della Provincia, Domenico Gambacorta, a fare gli onori di casa al centro di ricerche e formazione Biogem di Camporeale e ad accogliere al suo arrivo il Capo dello Stato Sergio Mattarella. L’elicottero su cui ha viaggiato la più alta carica dello Stato Italiano è atterrato intorno alle 16:00 all’arena “Pietro Mennea” ed è ripartito alla volta della Capitale tre ore più tardi. Giusto in tempo per far visitare il centro Biogem al Presidente e per inaugurare la decima edizione del Meeting delle due Culture, che quest’anno aveva la cosmologia come tema.

Prima dell’intervento conclusivo di Mattarella nella Sala Gagliardo, teatro del meeting, è arrivato però l’allarme lanciato dal primo cittadino di Ariano. “Ogni anno lasciano la provincia di Avellino circa duemila giovani – ha denunciato Gambacorta – come se un intero paese sparisse in dodici mesi. Noi sindaci restiamo in trincea e non alziamo bandiera bianca, investendo sulla valorizzazione del territorio. Serve però altro, a partire da una nuova industrializzazione che siamo pronti ad assecondare. Serve che gli impegni presi sulla Stazione Hirpinia dell’Alta Capacità Napoli-Bari restino tali. Essa potrebbe diventare un tassello fondamentale per il rilancio di queste aree e occorre che non si facciano passi indietro e che non si cambi strategia in corso d’opera”.

Sempre sul tema dello spopolamento è incentrato anche l’intervento del Presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca. “Un’eccellenza come Biogem costituisce una grande possibilità per giovani ricercatori di costruire su queste terre la propria prospettiva di vita. Mai come oggi abbiamo bisogno di trovare valori umani permanenti, contro una desertificazione spirituale e forme di comunicazione che finiscono per imporre tendenze distruttive che tendono a calpestare la dignità dell’interlocutore.

Noi – ha continuato De Luca riferendosi alla propria Giunta – sosteniamo Biogem con un finanziamento di 800mila euro all’anno e la facciamo partecipare a cinque progetti lanciati un anno fa dalla Regione per la ricerca su alcuni vaccini anti-tumorali per la prevenzione delle maggiori patologie che aggrediscono i nostri territori. Un finanziamento che è un atto dovuto, perché realtà come questa possono invertire la tendenza dell’emorragia di cervelli dal Sud verso il Nord”.

Proprio per le sovvenzioni ricevute da Palazzo Santa Lucia, il numero uno di Biogem, Ortensio Zecchino, ha voluto ringraziare il Governatore. “Ci sta dimostrando particolare attenzione – ha affermato orgoglioso – un sentito ringraziamento anche al Presidente della Repubblica, la cui presenza ci sprona a fare sempre meglio”.