VIDEO-FOTO/ Camere, primo voto per Gubitosa e gli altri parlamentari irpini

23 marzo 2018

Montagne di schede bianche ammassate nelle urne di Camera e Senato. Si conclude così la prima votazione per i presidenti delle due ali del Parlamento. Saltata dunque la paventata ipotesi di un accordo tra Movimento 5 Stelle e Forza Italia per lo scranno più alto di Palazzo Madama all’esponente azzurro Paolo Romani, condannato in Cassazione per peculato. La XVII legislatura si è aperta con le parole del presidente di turno della Camera Roberto Giachetti (in quanto vice più anziano della scorsa legislatura) e dell’altro presidente emerito Giorgio Napolitano, ex Capo dello Stato.

E’ stato il primo voto per tanti parlamentari irpini, come Michele Gubitosa, Maria Pallini e Generoso Maraia del Movimento 5 Stelle. Non una novità invece per l’altro pentastellato, Carlo Sibilia, e Cosimo Sibilia, quest’ultimo eletto in quota Forza Italia, rispettivamente alla seconda e terza legislatura.

“Un Nazerno Bis non lo farò mai – ha detto prima dell’elezione il capo politico dei 5 Stelle Luigi Di Maio – Negli scrutini di oggi voteremo scheda bianca perché per il bene delle persone che vogliamo candidare alle presidenze non possiamo esporle ai giochi dei partiti finché non sarà chiaro il metodo con cui si vuole procedere. Oggi i nostri parlamentari sono chiamati a essere il cambiamento che rappresentiamo e ad essere da esempio per i cittadini lì fuori, perché come diceva Gianroberto Casaleggio le parole volano, gli esempi restano”.