VIDEO/ La forza d’animo di Marcolini: “Mai sentito solo, i miei ragazzi straordinari”

20 luglio 2018

Frosinone, Claudio De Vito – Michele Marcolini stringe tra le mani la maglia di Stephan El Shaarawy. “E’ di Savona come me, la regalerò a mio figlio” spiega il tecnico biancoverde riuscendo a sorridere in un momento così drammatico dal punto di vista sportivo. Il suo Avellino ha stoppato la Roma. Ok è calcio estivo ma tra la devastazione mentale generale non è da tutti fare risultato contro una big di Serie A.

“Sinceramente non me ne frega niente del risultato – ha sottolineato il trainer dei lupi il cui volto racconta di giorni difficili – piuttosto è il premio all’atteggiamento e alla dedizione che i miei ragazzi stanno mettendo in questo periodo, non stiamo vivendo un momento facile, siamo dispiaciuti ma allo stesso tempo tranquilli perché dalla società abbiamo ricevuto rassicurazioni. Sono in contatto quotidiano con il direttore, sono al corrente di quanto sta accadendo. Non mi sono mai sentito solo, cerchiamo di guardare avanti”.

Mai come ora fondamentale l’apporto dei tifosi. Da brividi la scena di metà serata con la curva biancoverde che ha chiamato a sé per un confronto i calciatori i quali, bisognosi di conforto, non si sono fatti pregare per ricevere il sostegno del popolo del lupo presente al “Benito Stirpe”. “E’ stato un gesto spontaneo – ha detto Michele Marcolini – è stato bello alla fine condividere un pareggio che porto a casa per lo spirito che può trasmettere ai miei ragazzi”.

“Nessuno si aspettava di vivere una situazione del genere – ha continuato il mister – il presidente ci ha chiarito ciò che è successo, ci ha detto di stare tranquilli, lo siamo abbastanza perché abbiamo fiducia in lui ma vivere con il patema d’animo non è il massimo”. Ecco allora che il calore della gente può aiutare: “Sappiamo l’amore che c’è attorno a questa squadra – ha rimarcato – speriamo vada tutto bene così ci toglieremo delle belle soddisfazioni tutti insieme”.