VIDEO/ Ecco Giullarte: ad Atripalda week-end tra arte, spettacoli e gastronomia

19 settembre 2018

“Manifestazione come Giullarte hanno il dovere di andare oltre Atripalda e coinvolgere anche i comuni limitrofi, in un progetto di area vasta che non può essere quella individuata dal Comune di Avellino, dove non c’è alcun legame tra le amministrazioni coinvolte”. La 19esima edizione di Giullarte aprirà i battenti venerdì 21 settembre, ma l’attenzione del presidente della Commissione regionale Fondi Europei Maurizio Petracca è già proiettata alla prossima edizione.

“Ci sono le condizioni per fare un ulteriore salto di qualità, fondamentale per far crescere e valorizzare il nostro territorio. E’ una sfida che, come Regione, sosterremo per veicolare nuovi circuiti economici”.

L’evento beneficerà di circa settantamila euro stanziati per il POC Campania 2014-2020, Linea strategica 2.4 “Rigenerazione urbana, Politiche per il turismo e cultura”: un riconoscimento alla storia e all’identità della cittadina del Sabato, caratterizzata anche dalla narrazione di successo di questa rassegna.

La Festa dei Folli è il tema scelto: dalle pagine struggenti del romanzo di Victor Hugo, alla messa in scena teatrale più moderna e pop, questa edizione segna un cambiamento per Giullarte che osa e mescola le forme artistiche, senza dimenticare la tradizione.

Palcoscenico della tre giorni di divertimento e spettacolo, che chiuderà i battenti domenica 23 settembre, i suggestivi vicoletti del centro storico, anche se la kermesse coinvolgerà l’intera comunità.

Soddisfatto il sindaco di Atripalda Giuseppe Spagnuolo. “La nuova edizione di Giullarte è una straordinaria occasione di divertimento e promozione del territorio. I tanti visitatori che affolleranno le nostre strade potranno assistere a spettacoli ed assaggiare le nostre tipicità enogastronomiche, ma anche conoscere ed apprezzare il nostro patrimonio artistico”.

In prima linea c’è anche la locale Proloco. “Abbiamo organizzato tour ed escursioni per promuovere il nostro patrimonio storico-architettonico”, precisa il presidente Raffaele Labate. “Sarà un’importante occasione di  promozione, Giullarte è diventato nel tempo un riferimento anche al di fuori dei confini provinciali”.

Attendono con ansia il taglio del nastro anche l’assessore al commercio e alle attività produttive Mirko Musto e la delegata agli eventi e alla cultura Antonella Gambale. “Atripalda è pronta ad accogliere migliaia di visitatori. Sono tre giorni di festa che rappresentano una straordinaria vetrina per la nostra comunità”.