VIDEO e FOTO/ Regionali, De Luca: “In campo per dovere morale”

28 marzo 2015

L’ex senatore del Pd irpino Enzo De Luca scioglie le ultime riserve annunciando la sua candidatura alle prossime regionali.

Questa mattina l’atteso appuntamento convocato da De Luca al Circolo della Stampa di Avellino, kermesse alla quale hanno preso parte i dirigenti dem della provincia, sindaci e amministratori. In prima fila l’ex presidente del Senato e già numero due del Csm Nicola Mancino e il sindaco di Avellino Paolo Foti.

Presenti, tra i vari, anche Luigi Anzalone, Ida Grella, Stefano La Verde, Franco Russo, Francesco Barra, Chiara Maffei, Lello De Stefano, Ermando Zoina, Carmine De Blasio, Caterina Lengua, Wanda Grassi, Enza Ambrosone e Nino Montanile, Enzo Venezia, Gerardo Adiglietti, Franco Iovino e Roberta Santaniello e il presidente dell’Avellino calcio Walter Taccone.

“Accetto le diverse sollecitazioni che mi sono giunte in queste settimane e mi metto a disposizione del Pd – spiegato De Luca – Sento il dovere morale e politico di compiere questa scelta. Ma lo faccio ad una condizione: vorrei che all’Irpinia venisse restituita quella rappresentanza storica in Senato che è stata illegittimamente sottratta da una legge sciagurata”.

De Luca, che coordina il tavolo per le alleanze della coalizione del candidato Governatore del Pd, ha raccontato dunque alla platea il percorso che l’ha portato alla scelta di candidarsi, sottolineando un toccante aneddoto che ha riguardato la sua vita privata: “Sono stati giorni di tormenti questi – ha ricordato De Luca – mai però paragonabili ai tormenti fisici che ho vissuto. Come ha detto mia moglie: se Dio ti ha concesso ancora di essere tra noi è perché devi fare ancora altre cose”.

Sulla candidati e sui temi delle elezioni regionali De Luca ha poi aggiunto: “Non ho dato la mia disponibilità alla candidatura per bloccare la legittima aspirazione di qualcuno, anche perché rinnovamento e cambiamento non sono sinonimi di giovane età. Noi dirigenti del Pd dobbiamo creare la più attiva delle partecipazioni, aprendo porte e finestre a tutti, perché in un partito si sta dialogando e rispettandosi”.

ATTACCHI A CALDORO – Contemporaneamente ad Avellino, gli elettori e i simpatizzanti del centrodestra salutavano il Governatore Stefano Caldoro, finito nel mirino degli strali di De Luca: “La sua presenza qui oggi ad Avellino è patetica – ha affermato De Luca – Questa è la nostra ultima spiaggia. A noi tocca il compito di affrontare questa scadenza elettorale e cambiare così il destino di una realtà che vede dati tragici e una regione inesistente per le aree interne”.

Infine, sulle alleanza: “Occorre chiudere la più ampia delle alleanze. Auspico che SeL possa rientrare nel gruppo per non offrire la vittoria nelle mani della destra, così come è già accaduto qui alle ultime provinciali. Alleanza Popolare? Io guardo alla Costituente Popolare che da sempre ha posto un netto distaccamento al centrodestra”.