VIDEO/ De Cesare e Alberani svelano la nuova Sidigas: “Punto di riferimento dei club cestistici”

13 giugno 2018

Renato Spiniello – “Continueremo sul percorso iniziato migliorandoci sempre più”. C’è anche l’ad della Sidigas, Gianandrea De Cesare, alla presentazione del nuovo head coach della Scandone Nenad Vucinic. “Tutte le scelte che sono state fatte – spiega l’ingegnere – hanno come scopo quello di continuare a fare bene, portando questo club a essere un punto di riferimento delle società sportive cestistiche”.

Le scelte di cui parla l’amministratore delegato di Sidigas sono ovviamente il biennale al tecnico serbo, ma soprattutto il triennale appena firmato dal diesse Nicola Alberani, che vede anche ampliare le proprie mansioni diventando anche responsabile dell’area marketing.

“Avremo un approccio diverso sotto l’aspetto marketing e finanziario – spiega De Cesare – in quest’ottica va visto l’impegno profuso con Nicola e anche la scelta del nuovo allenatore, che mi auguro acquisisca presto i connotati giusti per guidare la nostra squadra che rappresenta la città e l’intera provincia”.

“Ringrazio il club per la fiducia accordatami – dice soddisfatto Alberani – mi sento sempre più avellinese, qui sto bene e credo ci siano le condizioni per fare sempre meglio, speriamo anche in un po’ di fortuna in più, visto che l’anno scorso è mancata”.

Il direttore forlivese conosce bene Vucinic, avendolo avuto sei anni fa alla guida della squadra della sua città. “C’è un progetto a lungo raggio in programma – dice – da qui il contratto biennale che ha firmato. Credo che abbia le capacità e l’esperienza giusta per fare bene, inoltre abbiamo la stessa idea di basket. Ripartiamo aprendo un nuovo ciclo che spero sia anche migliore del precedente”.

Con il nuovo coach Alberani non è riuscito ancora a fare il punto sul mercato. “E’ successo tutto molto fretta – confessa – ma nei prossimi giorni di sicuro capiremo da chi ripartire e su chi puntare. Con la nuova formula del 6+6 dovremmo avere un italiano in più e quindi la prima fase di mercato sarà caratterizzata da questo tipo di giocatori.

La preseason? Le problematiche legate al restyling del PalaDelMauro non mi preoccupano, di sicuro resteremo in zona, poi saremo anche in Sardegna e disputeremo un torneo internazionale con club del livello dell’EuroCup. Forse non avremo il Vito Lepore. Sulla Champions invece il 27 giugno sapremo ufficialmente se ci toccherà disputare il turno preliminare o accederemo direttamente alla fase a gironi”.