VIDEO/ “Circensi sfruttatori di animali e bugiardi”. Legge spettacolo, animalisti contenti a metà

10 novembre 2017

Renato Spiniello – Approvata ieri, con 265 voti favorevoli (13 i no), la nuova legge di riordino del settore Spettacolo, che prevede il “graduale superamento” della presenza degli animali nei circhi e nelle attività dello spettacolo viaggiante. Una prima vittoria per le associazioni animaliste che hanno commentato il risultato con moderata soddisfazione.

“Una vittoria o almeno una riduzione di quella che poteva essere una disfatta più grande” ha spiegato ad Irpinianews Eduardo Quarta, presidente dell’associazione Sos Natura – Azioni per Salvare gli Animali e l’Ambiente, contento a metà per il compromesso raggiunto qualche settimana fa al Senato e confermato alla Camera. “Associazioni come Lav e Enpa vigileranno e faranno pressioni per rispettare il provvedimento” ha continuato l’attivista.

D’altro canto, il provvedimento ha causato malcontento tra i circensi, che temono per la perdita di migliaia di posti di lavoro e per il rischio di “crollo fisico e psicologico dell’animale” abituato a vivere sotto il tendone. “In realtà più che a badare alla tutela degli animali, mirano al proprio interesse – tuona Quarta – è inutile che continuano a mentire all’opinione pubblica, il loro intento è quello di sfruttare inutilmente gli animali, nient’altro”.

Sull’approvazione della legge si è espresso anche il ministro Dario Franceschini: “Un altro impegno mantenuto – ha detto – dopo la nuova legge sul cinema”. Sempre la medesima legge prevede anche la spesa di 4 milioni di euro per attività culturali nei territori colpiti dal sisma del Centro Italia.