VIDEO/ Ciampi si muove per la D: il rilancio dell’Avellino in 24 ore

8 agosto 2018

di Claudio De Vito – La rinascita ha tempi molto stretti, come se non bastassero le continue corse contro il tempo che l’Avellino ha dovuto sostenere fino a ieri per il colpo di coda in ottica B. Tempistica di emergenza nelle mani del sindaco Vincenzo Ciampi, chiamato a ricoprire il ruolo di mediatore per una nuova alba calcistica nella provincia irpina.

Due le deadline, una a ridosso dell’altra: le 14 di domani per la presentazione delle manifestazioni di interesse scritte in risposta alla procedura esplorativa di cui alla determina dirigenziale odierna; le 12 di venerdì per l’iscrizione alla Lega Nazionale Dilettanti.

“Valuteremo tutto nel mero ed esclusivo interesse dei tifosi e della città. E’ una corsa contro il tempo, ne siamo consapevoli, ma la città non merita un’ulteriore mortificazione” ha affermato il primo cittadino durante la conferenza stampa convocata d’urgenza in Piazza del Popolo nella tarda mattinata. “Al momento non c’è nessun contatto scritto – ha aggiunto – solo verbali, ma non sono stato autorizzato a fare nomi. Le uniche manifestazioni di interesse che conteranno saranno quelle in risposta al nostro avviso”.

Un paio di imprenditori sarebbero interessati a far ripartire il calcio avellinese dalla polvere, uno di questi sarebbe il patron del Genoa Enrico Preziosi pronto a mettere in piedi una compagni societaria con il figlio Fabrizio presidente. Ciampi non conferma né smentisce, piuttosto aspetta che qualcuno si faccia vivo nelle prossime 24 ore ed è pronto ad “accreditare” in termini di bontà del progetto la neonata società presso la Figc in vista dell’ammissione alla massima serie dilettantistica.

Il sindaco potrà prevedere l’allestimento di una commissione per la valutazione delle proposte. Le manifestazioni di interesse dovranno essere corredate da: business plan, dichiarazione di impegno al versamento del contributo Figc di 150mila euro in caso di selezione, progetto sportivo recante le modalità di investimento nel settore giovanile e di gestione dello stadio Partenio-Lombardi. Oltre ovviamente a tutte le informazioni che possano attestare la solidità finanziaria e l’esperienza in campo sportivo della compagine candidata. Tutto in 24 ore per il rilancio dell’Avellino: il futuro è adesso.