VIDEO/ Avellino ricorda le vittime del terremoto del 1980. Foti: “La memoria quest’anno si incrocia con l’attualità”

23 novembre 2016

La città di Avellino si ferma in occasione del 36esimo anniversario del terremoto del 23 novembre del 1980.

In occasione della celebrazioni della giornata in memoria delle vittime, a margine del consueto appuntamento che anche quest’anno ha visto l’amministrazione comunale deporre in Piazza XXIII Novembre una corona per ricordare le vittime avellinesi di quella immane tragedia, il sindaco di Avellino Paolo Foti si è fermato a parlare con la stampa circa le problematiche che oggi investono la sicurezza dei pubblici (ma non solo) edifici della città.

“Il tema della memoria quest’anno inevitabilmente si incrocia con l’attualità – ha spiegato Foti riferendosi all’ultimo sisma che ha devastato il Centro Italia – Proprio in questo senso abbiamo attivato una serie di controlli che concluderemo a fine mese. Come Comune di Avellino inoltre pubblicheremo un bando per accedere a fondi messi a disposizione dalla Regione Campania per la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico degli edifici privati”.

Foti entra nel dettaglio e spiega: “La provvidenza per ogni edificio oscillerà tra i 20 e i 30mila euro. Parliamo di una grande opportunità per i privati per mettere in sicurezza stabili che non sono stati messi in sicurezza dopo l’evento sismico dell’80”.

Il bando sarà pubblicato a fine novembre e i cittadini, spiega Foti, “… avranno a disposizione 60 giorni per accedere”.

PARCHEGGI IN CITTA’ – L’amministrazione comunale di Avellino è al lavoro per la predisposizione di un bando. Stamane il sindaco Foti ha chiarito: “Sono in fase di completamento il capitolato d’oneri e il bando. Contiamo di pubblicare quest’ultimo nel giro di 10, 12 giorni al massimo. Chiaramente – aggiunge Foti – ci muoviamo in linea con quelli che erano gli indirizzi approvati dal consiglio comunale dell’epoca, che prevedevano un’opportunità per le cooperative sociali di tipo B”.