VIDEO/ Andrea Cozzolino: “Poche speranze con SeL. In Irpinia si riparta da D’Amelio”

23 marzo 2015

L’europarlamentare del Pd uscito sconfitto dalle Primarie, Andrea Cozzolino, è ritornato in Irpinia per salutare sindaci e dirigenti dem che l’hanno appoggiato nella campagna elettorale di inizio marzo. Ad Avellino Cozzolino ha ribadito l’importanza di mettere in sicurezza il risultato delle Primarie, confermando il sostegno all’ex sindaco di Salerno.

All’appuntamento hanno preso parte tra i vari anche Enza Ambrosone e Nino Montanile, il consigliere regionale uscente del Pd Rosetta D’Amelio, Mimma Lomazzo, il segretario provinciale della Cgil Enzo Petruzziello, Francesco Todisco, Antonio Caputo, Ivo Capone, Chiara Maffei, Marcello Rocco, Gianluca Festa, Bruno Gambardella, Salvatore Antonacci, l’ex sindaco di Nusco Giuseppe De Mita, Gaetano Bevere e i sindaci renziani Enrico Montanaro, Beniamino Palmieri e Stefania Di Cecilia.

SEL ANCORA FUORI DALL’ALLEANZA – “Sto dedicando tempo e lavoro al programma per dare al Pd un contributo sugli aspetti programmatici, nel rispetto del voto delle Primarie ma tendendo conto di tutte le novità istituzionali che vengono fuori – ha detto Cozzolino – Oggi pomeriggio ho lavorato con SeL per vedere se ci sono ancora margini per un discorso di collaborazione: purtroppo devo dire che non ci sono novità e che nei prossimi giorni loro formalizzeranno il nome del candidato Governatore. Proverò comunque ad interagire anche con Area Popolare per costruire con loro un terreno positivo di alleanze poiché abbiamo bisogno che intorno a De Luca vi sia vasto un schieramento di forze”.

Sul sindaco decaduto di Salerno pesa la recente pronuncia della Procura generale della Cassazione. Sul punto Cozzolino ha detto: “Il giudizio della Procura generale è da tenere sotto osservazione perché lì c’è una proposta chiara. Se dovesse prevalere questa opinione occorrerà appellarsi al giudice ordinario, cosa che renderebbe più complesso il cammino. A De Luca ho detto di mettere in sicurezza il risultato elettore ma è fondamentale che il Pd nazionale non si sottragga da questa riflessione”.

unnamed-5LE PRIMARIE IN IRPINIA – “Il risultato delle Primarie in Irpinia? E’ probabile che siamo arrivati all’elezioni con affanno, dopo continui rinvii che non hanno giovato, soprattutto la mia figura. Ad Avellino e Caserta non è stata alta la partecipazione anche se qui c’è stato un sostanziale pareggio. Tra Napoli e Benevento c’è stato un passaggio a mio favore ma è stato il voto a Salerno che ha capovolto totalmente il risultato. De Luca si deve rendere conto che dopo le primarie ha la necessità di essere riconosciuto come un candidato regionale e non salernitano. Mi auguro che possa comprenderlo in pieno”.

D’AMELIO RICONFERMATA – Intanto in Irpinia tiene banco la vicenda del toto candidati. In merito, chiaro è stato l’endorsement di Cozzolino verso l’uscente D’Amelio: “La riconferma di D’Amelio mi sembra la prima cosa da fare, poi vediamo le altre ipotesi in campo. Ci sono sindaci e dirigenti che vogliono mobilitarsi, cercherò di dare una mano anche ad Avellino”.

Dirigenti paracadutati nelle liste del presidente? Sul punto, Cozzolino ha democraticamente glissato: “Credo che dobbiamo rafforzare in primis il Pd”.

Primarie Pd 2015 Mappa Irpinia