VIDEO/ Al via la mostra sulle opere di Domenico Fraternali: “Non c’è conoscenza della nostra storia”

17 giugno 2015

Stamane presso la sala stampa di Palazzo di Città si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della mostra dell’Ing. Domenico Fraternali. Al tavolo l’assessore alle Politiche Culturali Nunzio Cignarella, la prof.ssa Orsola Fraternali, Tonino Santosuosso dell’Associazione Costruttori Avellino e l’ing. Massimo Maglio dell’Ordine Ingegneri Avellino.

La mostra dal titolo “Dieffe. Visioni di una città felice – Domenico Fraternali: i progetti, i disegni, i restauri” avrà luogo dal 20 Giugno al 10 Luglio presso la Casina del Principe in Corso Umberto I ad Avellino.

La mostra presenterà opere e testimonianze delle molteplici attività di progettista, urbanista, aed autore di opere grafiche e pittoriche che Domenico Fraternali ha svolto nella città e nella provincia di Avellino, nonché in ambito regionale e nazionale. L’inaugurazione della mostra si terrà sabato 20 Giugno alle ore 17 e sarà aperta al pubblico dal lunedì al venerdi dalle 16 alle 20/ sabato e domenica 10-13, 16-20.

Ha aperto il dibattito Nunzio Cignarella: “Sono stato insieme a Domenico nella prima giunta Di Nunno. Ho avuto modo di apprezzare nella quotidianita la sua visionarieta’ ed il suo modo di intendere la città felice. Fa parte di un tempo passato e questa mostra aiuterà i più giovani a riscoprire la storia di Avellino”.

La prof.ssa Orsola Fraternali, moglie dell’artista scomparso nel 2012, non trattiene l’emozione per l’avvio di questa iniziativa: “Il titolo è bellissimo, lo ha coniato Generoso Picone. Due parole chiave, dieffe e visione: le sue iniziali e le vedute di Avellino che altri non hanno mai curato. Domenico non c’è più ma le sue proposte sono presenti sin dal ’74, ha dedicato 50 anni della sua vita al Centro Storico di Avellino e questa proposta l’ha scritta a mano con le varie piante per evidenziare le origini della città: noi abbiamo origini longobarde. La sua idea era di acquisire l’identità di chi siamo, Domenico amava tutti i monumenti di Avellino.

“Non si sarebbe ritrovato in questa città cantiere – conclude – ha sempre sofferto dell’invisibilità della città, l’assenza di conoscenza della propria storia, non avrebbe nemmeno condiviso il progetto di Piazza Libertà”.

LA NOTA DELL’ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO – “L’ingegnere Domenico Fraternali ha rappresentato, per noi tutti, un maestro, una guida insostituibile. Ricordarlo sempre sarà non solo un dovere morale, ma soprattutto un vero onore”. A parlare è Massimo Maglio, consigliere dell’Ordine degli Ingegneri di Avellino che – in rappresentanza del presidente Antonio Fasulo -, questa mattina ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione della mostra di Domenico Fraternali dal titolo DiEffe – Visioni di una città felice. Domenico Fraternali: i progetti, i disegni, i restauri, in programma da sabato presso la Casina del Principe.

“La nostra sala convegni si chiama Domenico Fraternali e la nostra vicinanza alla famiglia è stato un atto sentito sin da subito. Abbiamo ricordato la figura del grande professionista con grande senso di dovere e lo continueremo a fare. Sicuramente organizzeremo eventi, convegni e mostre, a cadenza annuale, per ricordare Domenico Fraternali, il cui figlio, Ferdinando, è un nostro iscritto. Siamo soddisfatti di aver collaborato con l’Ordine degli Architetti e con l’Associazione dei Costruttori per questa iniziativa che parte sabato e, insieme a loro, abbiamo dato vita ad una pubblicazione molto interessante sull’attività professionale, immensa, di un grande professionista come Fraternali”.

“Invitiamo, perciò, tutta la cittadinanza alla mostra che sarà inaugurata sabato alla Casina del Principe di Avellino”.