VIDEO/ Acqua, ferrovie, rinnovo parco autobus. Delrio: “Le comunità devono saper sfruttare le occasioni”

24 ottobre 2017

Marco Imbimbo – Giornata intensa in Irpinia per il Ministro alle Infrastrutture, Graziano Delrio, che dopo aver presenziato all’inaugurazione della Pavoncelli Bis, ha fatto tappa nel capoluogo, prima per discutere in Consiglio Comunale del progetto sulle periferie, poi per affrontare vari temi in conferenza stampa, dalle infrastrutture idriche all’Alta Velocità, passando per il rinnovo del parco autobus italiano che coinvolge da vicino l’IIA. Tutti impegni presi dal Governo per rilanciare i territori, ma questi dal canto loro «devono saper cogliere le opportunità che diamo».

Sulla Pavoncelli Bis, questa mattina c’è stato un po’ di disappunto da parte del Governatore della Puglia, Emiliano, per il ristoro che dovrà garantire all’Irpinia.

«In realtà credo che verranno presi presto degli accordi – spiega Delrio. La gestione delle risorse idriche, però, resta di competenza delle Regioni». In Irpinia, invece, c’è il grave problema delle infrastrutture idriche e di quell’emergenza che va avanti da maggio.

«I problemi a livello nazionale sono due – sottolinea Delrio. Il primo è che si disperde troppa acqua, le aziende che gestiscono devono saper fare investimenti. L’altro elemento, invece è di competenza nostra, cioè statale: l’incapacità delle dighe. In Italia, buona parte, lavora al 15% delle loro capacità, quindi non a pieno regime. Abbiamo messo in campo un piano di 200 milioni per far aumentare del doppio la capacità delle nostre dighe e anche quella di Conza rientrerà in questo piano».

Poi c’è la questione delle infrastrutture ferroviarie, dall’Avellino-Rocchetta all’Alta Velocità. «Sulla tratta turistica stiamo facendo quanto già detto un anno e mezzo fa, lavorando seriamente. Per la Napoli-Bari, la certezza è che l’Alta Velocità e la stazione sono delle realtà e non promesse, i lavori sono in corso». Se il Governo sta recitando la sua parte, sarà compito delle comunità riuscire a sfruttare le occasioni fornite e, nel caso dell’Irpinia, farsi trovare pronta: «Il fatto di avere un’opportunità non significa saperla cogliere – puntualizza Delrio. Bisogna lavorarci senza piangersi addosso. Afragola, per esempio, è pronta ma bisogna che sia pronto anche il “sistema Afragola” con coincidenze, parcheggi e quanto serve. Solo così si può diventare competenti e sfruttare le occasioni».

Da questo punto di vista, Delrio, porta l’esempio di quando, da sindaco di Reggio Emilia, vide l’arrivo dell’Alta Velocità: «Inizialmente c’era solo una corsa, ci abbiamo lavorato coinvolgendo tutte le realtà interessate, a cominciare dagli imprenditori. Ora da quella stazione passano oltre 50 treni al giorno».

A proposito di opportunità, ce n’è una che riguarda la IIA di Flumeri grazie al piano per il rinnovo del parco autobus in Italia che, nel giro d qualche anno, punta alla sostituzione di buona parte dei mezzi in circolazione. «Noi abbiamo messo in campo una grande opera di rinnovo – sottolinea – poi spetterà agli imprenditori saper vincere le gare. Tra l’altro abbiamo previsto incentivi per 100 milioni di euro per quelle aziende che hanno la filiera in Italia».