VD/Piazza Libertà, Festa:”Rischio frattura”. A De Blasio:”Dimettiti”

10 giugno 2014

Il volto nuovo di Piazza Libertà rischia di fare da pomo della discordia in seno alla maggioranza. Infatti già nell’ultimo consiglio comunale la coalizione al governo aveva evitato di discutere dell’argomento facendo mancare il numero legale, ma adesso proprio sul progetto rischia di consumarsi lo strappo finale tra consiglieri e governo.
“Su Piazza Libertà si potrebbe palesare una frattura insanabile dal punto di vista amministrativo – esordisce Gianluca Festa, presidente della Commissione Lavori Pubblici”.
Secondo il consigliere la proposta di Vanacore non rispetta le linee del Consiglio, ma soprattutto crea molte perplessità anche dal punto di vista estetico. “Avevamo chiesto, facendo riferimento al quadro di Cesare Uva che ci fosse continuità tra via Nappi e corso Vittorio Emanuele invece in questo modo ad impallare questa visuale c’è una fontana, inoltre la pavimentazione sembra un solarium, poi manca il verde e non può mancare una caratteristica del genere in un luogo che deve fungere da punto di aggregazione”.
Per Festa Avellino deve ripartire dalla sua agorà: “Questo non è un progetto qualsiasi, ma il progetto da cui vogliamo rilanciare la città capoluogo per questo deve essere condiviso dall’intera comunità”.
Festa non si ferma a evidenziare le note dolenti di questa amministrazione, lo sguardo è anche a via Tagliamento che con le ultime elezioni ha dimostrato la sua strategia fallimentare. “Il fallimento della linea politica della segreteria in questa fase elettorale è palese. Il Pd è scomparso ad Ariano e invece di cercare l’apparentamento tra Caso, La Vita e Santosuosso si è voluto un accordo tra Caso e Riccio contro ogni logica. Lo stesso vale per Montoro dove De Blasio sosteneva Carratù che poi si è alleato con Forza Italia. La segreteria tutta si presentasse dimissionaria”. (di Rosa Iandiorio)

Guarda il video