VD/Melchionna:”Irpinia in difficoltà. Non c’è ripresa significativa”

11 giugno 2014

Avellino – Dati preoccupanti emergono dall’ultimo report sul lavoro della CISL Irpinia-Sannio, presentato stamane dal segretario del sindacato Mario Melchionna presso la sede di Avellino: “L’aumento della disoccupazione ha raggiunto limiti insopportabili, soprattutto quella giovanile – ha detto Melchionna – Per quanto riguarda la cassa integrazione, in aumento, c’è il pericolo imminente della fine del periodo concesso dalla Legge per l’ammortizzatore sociale. Nel momento in cui accadrà questo l’alternativa sarà solo quella della messa in mobilità dei lavoratori. Come sindacati, abbiamo l’obbligo di evitare i licenziamenti”.

Allarmante è anche il dato relativo ai suicidi: “18 in Irpinia dall’inizio dell’anno, un dramma senza fine”, commenta Melchionna. “Ma ci sono ancora tante vertenze aperte in Provincia. Riapriremo subito il tavolo per lo sviluppo e con la Regione attendiamo ancora risposte sul fronte dei forestali ma anche sulla Sanità. L’Irpinia sta vivendo un periodo di grande disagio e i dati in nostro possesso non sono per nulla confortanti. Non c’è una ripresa significativa della produzione e questo vuol dire meno spazio per i nostri lavoratori nelle aziende. E’ necessario che i Governi, a tutti i livelli, facciano qualcosa in più. Anche in tema di Fondi EU, stiamo rischiando di rispedire al mittente milioni e milioni di euro. Questo per l’incapacità degli Enti locali che non sono stati bravi ad intercettare quei fondi. Siamo bravi a lamentarci quando non ci sono opportunità di attirare finanziamenti sicuri dall’Europa, però poi quando questi arrivano ci dimostriamo incapaci di trasformare in fatti i nostri buoni propositi”.

(di seguito la video intervista a Melchionna)