VD/Isochimica, messa in sicurezza del silos. Ruberto: “La ditta c’è”

11 giugno 2014

“La ditta che eseguirà i lavori relativi alla prima fase di messa in sicurezza del silos dell’Isochimica dovrebbe firmare a breve”. L’assessore all’ambiente Giuseppe Ruberto rassicura sui tempi per l’affidamento delle operazioni di somma urgenza da realizzare presso la fabbrica dei veleni.
Negli ultimi giorni le ditte contattate dal comune per i lavori di messa in sicurezza avevano rifiutato l’incarico a causa delle difficoltà richieste dall’intervento: “Le aziende hanno valutato la propria capacità di impresa e hanno ritenuto di non potercela fare – dichiara l’assessore. Stiamo parlando della realizzazione di un ponteggio per la messa in sicurezza statica di un silos alto 17 metri per tre metri di diametro. Un operazione molto delicata finalizzata anche ai lavori di smontaggio e conferimento in discarica della struttura”.
La ditta che dovrebbe firmare in giornata per l’intervento è la stessa che si occuperà dei lavori di incapsulamento delle coperture dei capannoni in cui gli operai grattavano via dalle carrozze ferroviarie l’amianto, ovvero la De.Fi.Am di Serino. Le operazioni dovrebbero richiedere circa 60 giorni per un importo di 30mila euro, ma potranno iniziare solo in seguito all’apporvazione del piano dei lavori e quindi al nulla osta dell’Asl di Avellino. In seguito si darà avvio alla seconda fase, per cui sono previsti altri 70mila euro. “Dopo quest’intervento emergenziale – conclude Ruberto – ci sarà una procedura ad evidenza pubblica per individuare l’impresa che si occuperà della seconda fase”.