VD/Ato, Giordano: “Foti si è prestato all’inciucio tra Pd, FI e UdC”

18 luglio 2014

La riunione congiunta delle commissioni Urbanistica, Lavori Pubblici e Politiche comunitarie per affrontare il nodo della Rimodulazione del programma PIU Europa si è sciolta per il mancato raggiungimento del numero legale.
A prendere atto con rammarico più che sorpresa dell’assenza di gran parte dei consiglieri di maggioranza, Giancarlo Giordano: “Siamo alle solite – commenta il consigliere d’opposizione – per senso di responsabilità ho atteso più di due ore l’arrivo dei componenti dei rispettivi organismi consiliari, ma ancora una volta la maggioranza di mostra di pensare ad altro”.
Il riferimento del deputato è tutto diretto all’Ato Rifiuti: “La rimodulazione dei Fondi Eurupa P.I.U è un tema delicato dal quale dipende non solo il futuro di questa città, ma serve anche a sanare le ferite del passato. Ciò nonostante – aggiunge – il Pd continua a pensare all’Ato e fa mancare il numero legale per la discussione dell’argomento all’ordine del giorno”.
La strategia adottata dalla coalizione al governo è secondo l’esponente di Sel la riprova che il sindaco Foti dovrebbe essere più concentrato sulla vita amministrativa e quindi rifiutare la presidenza dell’Ente di gestione rifiuti. “Queste disattenzioni verso argomenti determinanti dovrebbero suggerire al primo cittadino di prestare maggiore attenzione ai comportamenti della sua maggioranza. Si era detto che questo di oggi era l’argomento più importante da discutere e allo stato dell’arte, alle 11.30 mancava agli atti la delibera per il consiglio comunale”.
Dunque l’attenzione passa subito all’assise di questo pomeriggio, dove in un clima rovente si discuterà della proposta firmato da Giordano, Preziosi, Ambrosone, Montanile e Cicalese e su cui c’è la convergenza di Petitto, Festa, Melillo, Genovese e Negrone. “Anche un voto in più per dire no a Foti alla presidenza dell’Ato sarebbe un grande risultato. Però resta grave che il sindaco si sia prestato a questo inciucio tra Pd, Fi e UdC per la gestione rifiuti”. (di Rosa Iandiorio)