Valorizzazione comparto vitivinicolo, il presidente della Camera di commercio La Stella annuncia le novità

Valorizzazione comparto vitivinicolo, il presidente della Camera di commercio La Stella annuncia le novità

11 novembre 2016

“Camera di Commercio di Avellino e Consorzio di Tutela dei vini d’Irpinia insieme per la crescita e la valorizzazione del comparto vitivinicolo provinciale. L’Ente di piazza Duomo e il Consorzio sono al lavoro per mettere in campo una strategia di sviluppo complessivo del settore.”

A dichiararlo è il presidente della Camera di Commercio Oreste La Stella che annuncia alcune importanti novità. Ricordando che la sede del consorzio di tutela è da sempre presso la Camera di Commercio, si riproporrà il bando per sostenere l’adesione di nuove aziende al Consorzio, che affiancherà con le proprie strutture operative nella gestione ordinaria, ma anche nei programmi di ricerca e di marketing territoriale, per riposizionare sui mercati nazionali e internazionali il brand Irpinia che rischia di vedere indebolito il proprio appeal, in mancanza di un’attività di comunicazione costante ed efficace.

Non ultimo, nel programma di collaborazione che si sta delineando tra Ente camerale e Consorzio di Tutela, la partecipazione delle aziende al Vinitaly, iniziativa che va rafforzata e coordinata anche attraverso un piano di comunicazione efficace che possa favorire la corretta percezione delle eccellenze irpine. Sono oltre 6mila gli occupati nel settore vitivinicolo, con quasi 200 cantine e migliaia di piccoli e medi produttori che operano in un mercato – eccezion fatta per qualche decina di marchi più affermati – esclusivamente nazionale.

“Grazie alle sinergie messe in campo – sottolinea in una nota il presidente della Camera di Commercio di Avellino, Oreste La Stella – stiamo lavorando per far fare il definitivo salto di qualità al settore vitivinicolo, operando positivamente, con rinnovata fiducia, nell’ambito di un settore che, con estrema dedizione e partecipazione, si sta impegnando a fondo per superare al più presto la difficile congiuntura”.