Vallesaccarda, Mariello chiude all’attacco: “Solo più tasse con la vecchia amministrazione”

Vallesaccarda, Mariello chiude all’attacco: “Solo più tasse con la vecchia amministrazione”

24 maggio 2019

Il Tiglio di Micheangelo Mariello chiude all’attacco la campagna elettorale a Vallesaccarda. “L’amministrazione uscente di Franco Archidiacono in questi ultimi cinque anni ha disatteso, tutte o quasi, le promesse fatte nella scorsa campagna elettorale, facendo precipitare la piccola comunità irpina in un periodo di immobilismo ed oscurantismo, contribuendo in maniera drammatica all’impoverimento del tessuto sociale ed economico di Vallesaccarda e dei Vallesaccardesi”.

“E’ notizia recente che i cittadini di Vallesaccarda per i prossimi tre anni si sono visti aumentare la TARI (Tassa sui rifiuti) del 40% grazie a scelte politiche del Sindaco uscente che dalla piscina comunale e dalla creazione di diversi posti di lavoro promessi, dopo cinque anni ha solo costretto tanti concittadini ad emigrare in cerca di fortuna, e come premio a quelli che con sacrifici e difficoltà sono riusciti a rimanere, gli ha aumentato le tasse”.

“Un modus operandi che invece da quest’altra parte, noi della lista il Tiglio, stiamo combattendo per cercare di scardinare. Il nostro è un movimento libero volto a valorizzare le risorse del territorio, ma scaturito anche dal forte malcontento che il paese ha vissuto e sta vivendo. Un popolo che non si è più riconosciuto nella scelta che le urne hanno prodotto nella passata tornata elettorale e che con coraggio e dignità ha iniziato a dire no in un paese a tratti divenuto fin’anche omertoso al cospetto di una tale egemonia politica e culturale”.

“Un malessere diffuso che ci ha spinti ad una forte presa di coscienza rispetto alla nostra identità e a questo luogo. Tanti gli attestati di stima e riconoscenza che quotidianamente stiamo ricevendo visitando le case dei nostri compaesani. Ai Vallesaccardesi noi abbiamo chiesto finanche di scrivere insieme il programma delle priorità di cui il paese necessita attraverso un questionario pubblico da compilare e consegnare in maniera anonima. Nessuna opera faraonica irrealizzabile, ma solo pochi punti programmatici realmente fattibili e soprattutto utili a tutta la comunità”.

“Oggi rappresentiamo il “nuovo che avanza” prendendo a prestito uno slogan invincibile, e sono certo che questa consapevolezza alberghi nei cuori e negli animi di molti Vallesaccardesi. Siamo una squadra coesa e scevra da vincoli o legami con il passato, guardiamo al presente con un solo obbligo: quello di far rinascere Vallesaccarda – conclude Mariello – attraverso una scelta democratica e libera”.