Valle del Sabato, aperto tavolo tecnico. Arpac assente

Valle del Sabato, aperto tavolo tecnico. Arpac assente

14 settembre 2016

Il problema dell’inquinamento nella Valle del Sabato, che interessa, ormai da anni, diversi comuni irpini, potrebbe essere in via di risoluzione. Il Prefetto di Avellino, Carlo Sessa, ha aperto un tavolo tecnico al Palazzo di Governo per fare il punto della questione e capire, quanto prima, in che condizioni ambientali riversa la zona. Se esistono elevati e tangibili fattori inquinanti e constatarne, eventualmente, il livello di concentrazione.

“Uno studio che sarà affidato ad un’Università campana – ha commentato l’assessore all’ambiente del Comune di Avellino Augusto Penna, al termine della riunione -. Per fare questi studi e adottare i mezzi di contrasto, tutti i partecipanti al tavolo si sono impegnati a contribuire in proporzione alle capacità di spesa degli enti stessi, con il Comune di Avellino e la Provincia che contribuiranno in maniera principale”.

Presente anche il primo cittadino di Montefredane Valentino Tropeano che ha dato piena disponibilità ad investire su monitoraggi serrati. “Sarà un progetto importante per la Valle del Sabato e sarà coinvolta anche l’Arpac, ente preposto per questo tipo di controllo, oggi assente al summit. Sarà emanato un bando al quale parteciperanno le Università”.

Ed infine il commento del sindaco di Atripalda, Paolo Spagnuolo, che ha colto anche l’occasione per sottolineare l’incendio del 12 luglio scorso, che ha interessato l’autodemolizione Urciuoli. “Abbiamo sollecitato più volte l’Arpac e l’Asl affinchè ci fornissero i dati inerenti ad una vicenda così grave – dichiara -. Non vorremmo che ci siano stati dei danni ed in tutto questo periodo non ci è stato detto niente. Le ordinanza sono ancora in vigore, ma abbiamo bisogno di questi dati con una certa urgenza”.