VIDEO/ “Uomini e donne impegnati a contrastare la Camorra”. Conte in città anche per applaudire l’operazione “Partenio 2.0”

14 ottobre 2019

Renato Spiniello – “Una bella notizia che accompagna la mia visita qui ad Avellino e in Irpinia“. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, durante il suo tour cittadino al Conservatorio “Domenico Cimarosa” e al teatro “Carlo Gesualdo”, ha voluto ringraziare gli uomini e le donne dell’Arma dei Carabinieri (250 in tutto) impegnati da questa mattina nella maxi-operazione “Partenio 2.0” che ha portato all’esecuzione di 23 misure coercitive per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, usura, estorsione, detenzione di armi e altro.

Operazione che, dopo diversi allarmanti episodi che si sono verificati nel capoluogo e nel suo hinterland più prossimo, ha consentito di disarticolare il “Nuovo Clan Partenio”, egemone ad Avellino e in provincia. In corso anche ulteriori perquisizioni presso altri indagati, costituenti il braccio economico-finanziario del clan. Nei loro confronti è stato disposto il sequestro preventivo/probatorio da parte della Dda di Napoli per i reati contestati di associazione per delinquere di tipo mafioso, scambio elettorale politico mafioso, turbata libertà degli incanti, trasferimento fraudolento di valori e riciclaggio. Notificati 17 avvisi di garanzia.

Carabinieri di Avellino e Guardia di Finanza di Napoli stanno passando al setaccio abitazioni, uffici, società, ditte e aziende ricollegabili anche per interposta persona al gruppo criminale.

“Questi 23 arresti contro la Camorra – continua il Premier – significano che ci sono donne e uomini quotidianamente impegnati a contrastare la criminalità organizzata, anche se non sono visibili e ce ne accorgiamo solo quando ci sono operazioni di questo tipo. Il Governo è determinato a non abbassare mai la guardia e la soglia di attenzione nei confronti della sfida contro la criminalità organizzata”.


Commenti

  1. […] “Uomini e donne impegnati a contrastare la Camorra”. Conte in città anche per applaudire l’op… […]