Universiade, prima riunione della cabina di regia. Approvato a Palazzo Santa Lucia il piano degli interventi

Universiade, prima riunione della cabina di regia. Approvato a Palazzo Santa Lucia il piano degli interventi

8 agosto 2018

Si è tenuta questa mattina, presso la Sala “De Sanctis” di Palazzo Santa Lucia, la riunione di insediamento della Cabina di regia per l’Universiade 2019.

La manifestazione, che vedrà la partecipazione di studenti universitari di 170 paesi, prevede dal 3 al 14 luglio 2019 lo svolgimento di competizioni in 18 sport, con l’arrivo complessivo di oltre 8000 atleti e delegati, ed oltre 1000 ufficiali di gara.

“Da questo momento lavoreremo senza sosta, ogni istituzione coinvolta farà la sua parte per assicurare la massima riuscita dell’unico evento sportivo di portata internazionale al momento previsto in Italia per i prossimi dieci anni – ha dichiarato il presidente Vincenzo De Luca – un evento che va ben oltre la natura sportiva, con ricadute importanti anche in termini economici, culturali e turistici per Napoli e tutta la regione. Domani verrà firmato il contratto per la prima nave, la MSC Lirica con circa 2000 posti, che ospiterà gli atleti”.

“E’ stata una giornata importante con l’approvazione della nuova cabina di coordinamento del Piano, improntata sullo spirito della massima collaborazione istituzionale – ha sottolineato il Commissario per le Universiadi Gianluca Basile – la novità, rispetto al Piano precedentemente approvato, riguarda l’incremento del finanziamento destinato allo stadio San Paolo, che sarà la struttura protagonista della manifestazione”.

“L’Universiade – ha spiegato il segretario generale FISU Eric Saintrond – è una manifestazione di straordinarie proporzioni che richiede, in questi ultimi mesi a disposizione, un grande sforzo organizzativo per assicurare i numeri previsti, in termini di gare e di atleti coinvolti”.

Si svolgeranno a Napoli le gare per gli sport singoli, ad eccezione della scherma prevista a Salerno, e saranno utilizzati gli impianti sportivi situati in tutte le province della regione Campania per le gare degli sport di squadra. A tal proposito, la Cabina di Regia ha approvato il Piano degli interventi: per la parte infrastrutturale – 57 impianti sportivi di cui 36 da utilizzare per competizioni e 21 per allenamenti – l’investimento complessivo è di € 127.107.177.

In particolare, sono state appostate per lo stadio San Paolo, oltre alle somme già previste per la pista di atletica, gli impianti di illuminazione ed audio/video, le somme inizialmente destinate allo stadio Collana, per il quale non è più previsto l’utilizzo per l’Universiade, a seguito dell’affidamento dell’impianto a privati. Inoltre, per il San Paolo sono stati aggiunti € 1.170.000 per la riqualificazione dei servizi igienici e € 14.402.888,06 per riqualificazione e messa a norma.

Per la parte riguardante i beni ed i servizi dell’Universiade, l’importo è di € 129.792.823. Il centro di accreditamento principale verrà realizzato all’aeroporto di Capodichino, mentre alla Mostra d’Oltremare verrà ubicato il Media Press Center.

Per il villaggio degli atleti è stato definito l’utilizzo di tre poli: Napoli, Salerno e Caserta, con l’utilizzo di due navi da crociera per complessivi 4000 posti, sistemazioni alberghiere per 2000 posti e residenze universitarie per ulteriori 2000 posti.

Approvate anche le linee guida per il reclutamento dei circa 8000 volontari che saranno coinvolti nelle attività prima, durante e dopo l’Universiade, contribuendo al successo complessivo dei Giochi.