Ugl: “Vertenza Irisbus paralizzata da anni”

24 luglio 2014

“La vertenza Irisbus e’ ormai paralizzata da anni, il Governo non perda altro tempo e giunga ad una soluzione concreta. Fiat, dal canto suo, ha gia’ chiarito che dal 31 agosto non ha piu’ copertura per ammortizzatori sociali e quindi, restiamo aggrappati al solo sostegno della Regione Campania che ha garantito fino a dicembre”. Dall’incontro di oggi ad Avellino, presso la sede di Confindustria, a cui hanno partecipato  Antonio Spera, segretario nazionale Ugl settore Auto, ed Antonio Oliviero, segretario provinciale Ugl Metalmeccanici Avellino, e’ emersa tutta “la nostra preoccupazione nei confronti di una situazione divenuta insostenibile – spiegano i due sindacalisti – Gia’ da lunedi Fiat, se non sara’ prorogato il decreto, atto che va formalizzato ogni due mesi, e’ pronta ad avviare procedura di mobilita’. “Siamo convinti che non si puo’ piu’ tamponare o “curare in superficie” la ferita procurata alla Irisbus, ma e’ necessario concretizzare delle prospettive. Ci rivolgiamo, quindi, al Governo: basta temporeggiare, la vertenza non va ne’ rinviata ne’ sottovalutata, ma risolta. C’erano delle proposte? Bene, allora proviamo a concretizzarle. Non possiamo piu’ far fare i viaggi della speranza e agli operai della Irisbus a Roma per attendere false aspettative o semplici illusioni  dal Mise. Davvero non si perda altro tempo, e’ in gioco il futuro dei lavoratori e un sostegno alle loro famiglie, in una provincia, Avellino, in cui le prospettive sono sempre piu’ frammentate e vulnerabili”. Presenti all’incontro anche le due rsa di stabilimento della Ugl, Gerardo Cardinale e Vincenzo Cocca.