Udc, le ultime tappe prima del Referendum per difendere le ragioni del No

Udc, le ultime tappe prima del Referendum per difendere le ragioni del No

26 novembre 2016

Il partito dell’Udc della provincia di Avellino fin dall’inizio dell’estate è fortemente impegnato sul tema del Referendum Costituzionale al fine di propagandare le ragioni del No.

Infatti il partito di Ciriaco De Mita è chiaro nella sua forte contrapposizione alla riforma della Costituzione, un “No” quello dei centristi motivato da ragioni di merito e non da ragioni politiche. E anche nell’ultima settimana ci saranno una serie di incontri che vedranno come protagonisti i big irpini del partito.

Martedì 29 Novembre a Flumeri, alle ore 17, presso la sala consiliare ex Eca, e mercoledì 30, alle ore 10.30, nel comune di  Montoro presso l’aula convegni, si terranno due importanti iniziative sul tema del Referendum del 4 dicembre. Per poi concludere e lanciare l’ultimo appello, Giovedì 1 Dicembre alle ore 17.30, presso il Viva Hotel di Avellino con il Segretario Provinciale del partito Giuseppe Del Giudice, il Consigliere Regionale Maurizio Petracca, l’Onorevole Giuseppe De Mita e il Sindaco di Nusco Ciriaco De Mita, che pare voler essere l’ultimo baluardo in grado di tenere testa al Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

“In questa ultima settimana cercheremo di ribadire la nostra contrarietà ad una riforma che non serve assolutamente al paese e che per ora rischia di dividere e lacerare la società nel suo complesso”, dichiara l’Avvocato Giuseppe Del Giudice Segretario Provinciale dell’Udc di Avellino. “Nell’ultima settimana lanceremo il nostro ultimo appello per rafforzare il Fronte del NO, esistono tante ragioni per dire NO, e il  nostro No attiene al merito della riforma e non ha altre motivazioni, a noi interessa il destino della nostra Nazione”.

Continuano intanto anche le iniziative dei giovani del partito, che dopo il convegno all’ex asilo Patria e Lavoro, hanno avviato una attività di volantinaggio nella città di Avellino per spiegare ai cittadini le ragioni del No.