Udc: “Con Foti al peggio non c’è mai fine. Azzeri Giunta”

12 giugno 2014

“La fulgida amministrazione Foti ha debuttato l’anno scorso con la famigerata ordinanza Super Santos. Ingenuamente avevamo pensato che avessero peccato di inesperienza. E che da quella vicenda poco felice non si potesse far altro che risalire. Alla luce di quanto accaduto in questi dodici mesi siamo costretti a dire che ci sbagliavamo. E che al peggio non c’è mai fine”. E’ quanto si legge in una nota del coordinamento provinciale dell’Unione di Centro di Avellino. “Oggi – continua la nota – registriamo la presenza di un vicesindaco a rate, che si autosospende un giorno sì e un altro pure, senza che se ne conoscano nemmeno le motivazioni politiche che lo spingono. Si chiudono cliniche come se fossero tombini stradali e ci si barcamena tra indirizzi non condivisi, scelte urbanistiche verticistiche, passi falsi di dirigenti. Tutto condito dalla presenza di un sindaco che, come se nulla fosse, dichiara di non sapere, di essere all’oscuro, di non essere informato. Il quadro è desolante e la situazione non più sostenibile”. “A questo punto – si conclude così il documento dello scudocrociato irpino – a Foti sentiamo di dare un solo consiglio, per il bene della Città: azzeri la giunta, dia vita ad un nuovo organismo di governo, ma senza cedere ai ricatti che arrivano dalla sua stessa maggioranza e coinvolgendo, al contrario, quelle che egli stesso reputa essere le migliori esperienze presenti in città, con l’obiettivo di aprire una nuova fase che azzeri il passato e che dia risposte concrete, come ben ha sottolineato il consigliere Alberto Bilotta. Il Sindaco, quindi, non ha altra strada che andare in consiglio comunale, presentando il programma amministrativo per i prossimi quattro anni, provando così ad archiviare i primi dodici mesi di figuracce, tentennamenti e inconcludenza. Foti dovrà verificare se l’Aula gli accorderà ancora fiducia oppure no. E’ l’unica operazione possibile se davvero si intende lavorare per risolvere le tante questioni ancora aperte ad Avellino. Se così non fosse, avremmo la conferma di come quello di Foti sia solo un accanimento nei confronti di una Città che ormai non nutre più alcuna fiducia in questa amministrazione”