Tusek pronto al ritorno contro Teramo: “Ora è un’Air diversa”

17 aprile 2009

Avellino – Sembrano chiusi i giochi per quel che riguarda il roster che domani affronterà la Banca Tercas Teramo dell’ex Capobianco: Williams, ancora dolorante, lascerà il posto ad uno scalpitante Tamar Slay che, dopo aver risolto i suoi problemi al polso, è pronto per recitare un ruolo da assoluto protagonista contro il team del duo Poeta-Amoroso. Con Tamarvelous a giocare spesso e volentieri da numero 4 tattico il campo sarà ancora più aperto per i biancoverdi, che punteranno molto sulla profondità della panchina per mettere in cassaforte la quarta vittoria consecutiva in campionato. Teramo, che l’ultima volta ha sconfitto i biancoverdi nei quarti di finale di Coppa Italia, pur continuando a disputare un’ottima pallacanestro, appare ovviamente un pò stanca. pProblema assolutamente messo in cantiere dallo staff abruzzese, che può comunque sempre contare su uno dei più seri candidati al titolo di Mvp stagionale, ovvero David Moss. A pesare sulle spalle dei prossimi ospiti del “Del Mauro” (ore 21, diretta Skysport 2) c’è comunque un altro fattore, ben più serio e grave di qualunque analisi tecnica o di natura sportiva. Il terremoto che ha sconvolto l’Aquila ha lasciato il segno anche nei cuori e nelle menti dei cestisti biancorossi. La cittadina è stata anch’essa colpita dal sisma (niente di grave, solo tanta paura e qualche balcone crollato) ed è ora uno dei centri nevralgici per lo smistamento e l’impiego delle forze di volontariato. La popolazione si è stretta ancor di più intorno alla squadra, che proprio con Avellino sarà protagonista domani di una maratona di solidarietà in favore delle persone colpite dal sisma.
Tusek – Tra i migliori e i più positivi nella settimana che ha preceduto la sfida c’è sicuramente l’ala slovena Marko Tusek. “Con Teramo abbiamo perso la partita più importante, quella di Coppa Italia, ma una cosa è certa: non vedrete la stessa Scandone che affrontò Moss e compagni a Teramo”. Sono queste le parole di presentazione di Tusek, che ben evidenziano lo stato di forma e la voglia sua e dei biancoverdi di far bene contro Teramo. “Se il coach vorrà sono pronto – ha dichiarato Tusek – mi sento in forma e in grado di dare il mio contributo. Il mio recupero arriva nel momento giusto, considerato anche l’infortunio di Williams. Eric stava giocando bene, ma se il coach non lo vorrà rischiare sono disponibile a sacrificarmi e a dare il massimo. Dopotutto – ha continuato – Teramo non ha centri di ruolo e riusciamo ad accoppiarci bene con i loro lunghi. Dobbiamo sfruttare la nostra profondità per riuscire a far proseguire la nostra striscia vincente”. Determinato, voglioso di rimettersi in gioco e di continuare ad inseguire i playoff: è così che appare Marko Tusek alla vigilia del suo rientro in campo. “Vengo da un lungo stop – ha detto – che però mi ha dato la possibilità di ricaricare le batterie a riflettere a mente sgombra sul prosieguo del campionato. Prima del mio infortunio non stavo giocando bene, sia per problemi fisici che per problemi mentali. Ora mi sento diverso, e come tutta la squadra voglio giocare e vincere partita dopo partita per arrivare ai playoff e sentire sempre più forte l’applauso del pubblico. In questo momento la corsa per la postseason è nel suo vivo – ha concluso – ma noi non dobbiamo preoccuparci dei risultati degli altri. Noi inseguiamo Biella, ma ci sono anche Cantù, Pesaro, Ferrara e le altre. Se ci mettiamo a guardare in casa degli altri non facciamo che distrarci, il nostro obiettivo deve essere quello di conquistare sempre i due punti in palio da qui alla fine, e poi guardare il calendario. Ci aspetta un tour de force notevole con 3 partite in una settimana, ma l’Eurolega ci ha abituato alla fatica e alla pressione. Non cerchiamo scuse, possiamo e dobbiamo continuare su questa strada”