Truffa del cartellino, Verdi: Caso gravissimo perché coinvolti medici che negavano assistenza

Truffa del cartellino, Verdi: Caso gravissimo perché coinvolti medici che negavano assistenza

16 marzo 2016

“Il nuovo caso di dipendenti che truffavano lo Stato timbrando e lasciando il posto di lavoro scoperto all’Asl di Avellino è il peggiore nella bruttissima classifica di quelli venuti alla luce negli ultimi tempi perché vede coinvolti anche medici che, invece di stare al loro posto di lavoro, a dare assistenza ai cittadini, se ne andavano in giro”.

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità “condividendo e apprezzando le parole del Commissario straordinario che ha già garantito la massima severità e il licenziamento per i dipendenti ripresi dalle immagini delle videocamere”.

“Quel che stupisce in quest’ennesima storia di truffatori dello Stato e della collettività è la sensazione di impunità dei protagonisti che, come si capisce dalle immagini, avevano capito che erano ripresi, ma hanno continuato a timbrare e andare via” ha concluso Borrelli.