Truffa all’Asl di Avellino, ecco i nomi dei 21 “furbetti” sospesi

Truffa all’Asl di Avellino, ecco i nomi dei 21 “furbetti” sospesi

17 marzo 2016

Sono in tutto 21 le  persone coinvolte e identificate dagli inquirenti nell’ambito dell’operazione “Badge malati” relativa alla vicenda dell’assenteismo all’Asl di Avellino.

I “furbetti” sono stati individuati grazie ai filmati e alla sola collaborazione di due dirigenti della Asl cittadina, e sono i collaboratori sanitari professionali Immacolata Argenio, Carmelina Bavaro, Lydia D’Amore, Rosa Anna Grimaldi, Gerardo Iannaccone; gli assistenti amministrativi Annamaria Benevento, Giuseppe Bruno, Pasquale Mauro, Mirella Petruzziello, Riccardo Tedeschi; i coadiutori amministrativi Carmine Iannaccone, Teresa Poli; poi Grazia Raduazzo (operatore tecnico addetto all’assistenza), Ciro Tommasini (ausiliario socio sanitario), Olimpia Vozella (collaboratrice professionale assistente sociale); i dirigenti medici Carmelo D’Avanzo, Maria Concetta Perrone, Linda Volpe e Gerardo Rizzo, il radiologo Carmelo Lilli e infine il medico specialista ambulatoriale Rosanna Sardone.

Non gli unici a fare “ciao ciao alla macchinetta” ma quelli considerati come i responsabili del maggior numero di ore di lavoro rubate. Nell’operazione, come descrive il gip Antonio Sicuranza,  si è constatato che solo nell’arco temporale tra il 27 febbraio e il 27 marzo 2015 – ovvero di appena un mese – sono state 380 le giornate sottratte all’azienda sanitaria calcolate dagli uomini della Squadra Mobile.

LEGGI ANCHE:



Latests News

Progetto Edward: la Polstrada promuove una giornata senza vittime sulle strade

Campagna di prevenzione sulla sicurezza stradale “Edward”: il 19 settembre

19 settembre 2018

Roghi, nei guai altri tre agricoltori in provincia di Avellino

Residui vegetali bruciati poco distante dalle zone residenziali: altre tre

19 settembre 2018