Trenitalia, soppresse corsa Avellino – Benevento, il sindacato attacca

18 maggio 2005

Ancora disagi nel trasporto ferroviario, in particolare per i collegamenti tra Campania e Molise. Dallo scorso 12 maggio, infatti, la Direzione Trasporto Regionale Campania Trenitalia ha provveduto a sopprimere numerose corse sulle linee: Torre Annunziata Centrale-Gragnano; Benevento-Avellino; Caserta-Salerno; Caserta-Aversa; Cancello-Torre Annunziata Centrale; Napoli-Eboli; Rocchetta S.A.L.-Avellino; Benevento-Avellino-Nocera Inferiore; Campobasso-Termoli. A ‘denunciare’ i disagi che derivano dalla soppressione delle corse sono i segretari regionali di Filt Cgil, Tripodi; Fit Cisl, Riccio; Uilt Uil, Sanità; Sma Confsal, Martucci; Ugl Ferrovie, Capasso; Orsa Ferrovie, Loffredo. E proprio i sindacati inviano una nota diretta al presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, all’Assessorato ai Trasporti della Regione Campania, ai presidenti delle Province, e agli organi di Trenitalia Spa. Un documento in cui comunicano che “ulteriori linee potranno essere interessate da soppressioni parziali ‘a macchia di leopardo’, senza nessun preavviso alla clientela. Manca un confronto negoziale con la Direzione Trasporto Regionale Campania e la cronica mancanza di personale ai treni non è più sostenibile attraverso il ricorso sistematico allo strumento dello straordinario. In considerazione che in Campania e Molise l’indice di disoccupazione è alto, riteniamo necessaria la richiesta di un intervento delle istituzioni stipulanti il contratto di servizio con Trenitalia Spa Direzione Trasporto Regionale Campania. A sostegno dell’occupazione, sollecitando la ripresa di corrette relazioni sindacali, con la presente sono da intendersi attivate le procedure di raffreddamento”.