Tre concerti in tre giorni al Conservatorio di Avellino. Si parte con “Un viaggio nella canzone napoletana” e Pino Daniele

Tre concerti in tre giorni al Conservatorio di Avellino. Si parte con “Un viaggio nella canzone napoletana” e Pino Daniele

21 Ottobre 2019

Tre concerti in tre giorni al Conservatorio di Avellino. Si parte con “Un viaggio nella canzone napoletana” e Pino Daniele. Inizia così un’altra settimana ricca di appuntamenti al “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro.

Si parte questa sera (lunedì 21 ottobre, ore 20:30), con “Un viaggio nella canzone napoletana – Dalle villanelle a Pino Daniele”. Si tratta di una esecuzione musicale che rientra nell’ambito della mini rassegna “Il Cimarosa Suona Bene” e che vedrà l’esibizione di Susanna Canessa (voce e chitarra), Monica Doglione (voce), Brunello Canessa (basso, voce e chitarra), Luca Guida (percussioni) e del Coro Allievi Cimarosa Folk. Durante la serata ci sarà anche la proiezione dei quadri di Patrizia Balzerano.

Un concerto da non perdere, dove si assisterà a quella che è stata l’evoluzione del linguaggio musicale nella canzone napoletana, dalle villanelle del XIV secolo alle recenti contaminazioni. “Un viaggio fino alle radici del repertorio classico napoletano da Fenesta Vascia a Malafemmena a Luna rossa, passando dalle antiche villanelle fino all’immancabile Terra mia di Pino Daniele – come ha spiegato Susanna Canessa nel presentare il concerto -. Un omaggio musicale e visivo a Napoli dove le Arti s’incontrano, si fondono in un unico pensiero profondo che guarda il mare e il cuore che ascolta la voce della terra, la nostra terra”.

E sempre nell’ambito della rassegna “Il Cimarosa Suona Bene”, domani (martedì 22 ottobre, ore 19:00), invece, si terrà il “Concerto a 4 mani”. Sul palco dell’Auditorium del Conservatorio, Dora Dorti e Fausto Trucillo daranno vita ad un’esecuzione al pianoforte a quattro mani su musiche di Mozart, Rossini e Saint Saens.

Mercoledì 23 ottobre, ore 19:00, invece ultimo appuntamento per la rassegna “Classica in jeans”, con il concerto “Il mandolino – Uno strumento non soltanto napoletano”. Sul palco dell’Auditorium sarà la volta dell’Ensemble a pizzico del Conservatorio Cimarosa (mandolini); Elide De Angelis, Emiliano Scettri, M° Emanuele Cappellotto, Teresa Franza e Giulio Sensolo alla mandola; Francesco Fausto Magaletti, Giulia Pagano, Rino Faggella e Roberto De Marinisalle alle chitarre; tenore Francesco Montuori; Michele Costanzo (clavicembalo); Manuela De Simone e il M° Carmela Palumbo al pianoforte. Musiche di Scarlatti, Cimarosa, Calace, Mozart, Romualdi, Gervasio, Denis, van Beethoven, Manente e Salvetti.

“Si apre un’altra settimana ricca di appuntamenti – dichiarano il presidente Luca Cipriano e il direttore Carmelo Columbro – con un viaggio nella canzone napoletana, dove sarà possibile apprezzare le evoluzioni dei suoni e delle musiche tradizionali napoletane, fino al sound dell’indimenticabile Pino Daniele. Ancora una volta il palcoscenico del Conservatorio ospiterà artisti di caratura nazionale, come Susanna Canessa, che in questo viaggio sarà accompagnata dal Coro Allievi Cimarosa Folk, oltre che dal fratello Brunello, eccellente musicista e straordinario autore di diversi brani, tra cui Piccerella, scritto per il Maestro Roberto Murolo, solo per ricordarne uno”.