Tifosi a Latina grazie all’operato della Calcio Avellino: il retroscena

Tifosi a Latina grazie all’operato della Calcio Avellino: il retroscena

25 aprile 2019

di Claudio De Vito – I passi giusti in vista di Latina-Avellino li ha compiuti la società biancoverde grazie alla quale i propri sostenitori potranno essere al “Francioni” per la gara del 5 maggio che potrebbe valere lo spareggio con il Lanusei o addirittura la vittoria del campionato. Decisivo si è rivelato l’operato della Calcio Avellino che ha scongiurato l’emissione del divieto di trasferta al vaglio dei responsabili dell’ordine pubblico dopo i fatti di Fiumicino.

Al recente incontro presso la Questura di Latina, il direttore sportivo Carlo Musa e il team manager Christian Vecchia – convocati ad hoc – avevano inizialmente ricevuto picche sulla possibilità di consentire ai tifosi irpini di assistere al match. Irremovibili i dirigenti della Questura pontina: Latina-Avellino senza tifosi irpini. Ma il dialogo intrapreso dai dirigenti della SSD ha scongiurato la chiusura del settore ospiti.

Una mediazione vincente sfociata in piena assunzione di responsabilità: di qui le linee guida emanate dal Viminale nella determinazione di ieri. La società seguirà l’organizzazione della trasferta dall’allestimento della carovana fino al rientro alla base dopo la partita.

Saranno previste delle restrizioni ma almeno i tifosi dell’Avellino ci saranno. I biglietti a disposizione dovrebbero essere non  più di cinquecento nello spicchio di tribuna laterale coperta adibito a settore ospiti ormai dal 2014 dopo il sequestro della curva abitualmente riservata alle tifoserie avversarie. L’intenzione nell’ambito del servizio d’ordine sarebbe quella di creare una zona cuscinetto in tribuna centrale, che verrebbe lasciata sgombra per ridurre al minimo il contatto tra le opposte fazioni di tifo.

La nota dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive:

“Per l’incontro di calcio Latina – Avellino, connotato da profili di rischio, ma per il quale non appare necessario il rinvio alle valutazioni del CASMS, l’Autorità Provinciale di P.S. di Latina, previa riunione con le società sportive interessate, è pregata di valutare la fattibilità dell’attuazione delle seguenti misure organizzative:

vendita dei tagliandi per i tifosi ospiti nel limite stabilito dall’Autorità Provinciale di P.S., nelle ricevitorie individuate dalle società sportive sotto la responsabilità delle stesse, previa esibizione da parte dell’acquirente di un documento di identità;

vendita dei tagliandi per i tifosi ospiti sino alle ore 19.00 del giorno antecedente la gara;

effettuazione della trasferta con mezzi collettivi e la presenza di personale della Società ospitata al seguito dei tifosi;

trasmissione dell’elenco degli acquirenti di tagliandi per il settore ospiti alla Questura di Latina, comprensivo del nominativo e della data di nascita, entro le ore 10 del giorno della gara;

vendita dei tagliandi per tutti gli altri settori previa esibizione da parte dell’acquirente di un documento di identità;

impiego nel settore ospiti di volontari della società ospitata con casacca riconoscibile (simile a quella degli steward);

adeguata comunicazione ai tifosi delle Società Sportive interessate”.