I tifosi di Crotone e Bari in massa verso la Campania: questure in allerta

I tifosi di Crotone e Bari in massa verso la Campania: questure in allerta

21 marzo 2016

Si prospetta un sabato santo di allerta sull’asse Avellino-Salerno lungo il quale si incroceranno destini di due tifoserie sul piano dell’ordine pubblico. Alle 15 infatti è in programma al Partenio-Lombardi la sfida tra i lupi e il Crotone, alle 20:30 invece Salernitana-Bari all’Arechi che chiuderà la trentatreesima giornata.

Due eventi sportivi gestibili con l’ordinaria amministrazione se non fosse che le due tifoserie ospiti, contraddistinte da rapporti non idilliaci, si muoveranno verso la Campania in massa. Nell’intervallo di tempo che va dal triplice fischio in Irpinia a quello d’inizio del posticipo di Salerno il percorso comune – l’autostrada che collega il capoluogo avellinese a quello salernitano – con il rischio di contatti tra opposte fazioni prima dell’imbocco della Salerno-Reggio Calabria da parte dei tifosi calabresi.

I supporters baresi sono annunciati almeno in duemila all’Arechi considerato anche il gemellaggio che li spingerà ad invadere pacificamente Salerno già a partire dalla mattinata e ad occupare non solo il settore ospiti per il quale è prevista l’iniziativa “Porta due amici allo stadio”. I tifosi crotonesi invece dovrebbero giungere ad Avellino in almeno quattrocento unità.

Le Questure di Avellino e Salerno si sarebbero già attivate per garantire il presidio dell’arteria autostradale e fare in modo che il deflusso dei sostenitori rossoblu dalla zona d’interesse avvenga senza criticità dovute all’arrivo dei tifosi pugliesi attesi al casello Avellino Est. In corrispondenza del varco orientale della città, le forze dell’ordine dovrebbero attivare anche un monitoraggio per evitare possibili incontri tra i tifosi dell’Avellino provenienti dalla provincia e quelli baresi diretti a Salerno.

Per definire il servizio d’ordine a 360 gradi, in settimana si riunirà il Gruppo operativo per la sicurezza presso la Questura di Avellino. L’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive non ha inserito la gara tra Avellino e Crotone tra quelle connotate da profili di rischio, ma le problematiche incrociate con il match di Salerno indurranno le autorità di pubblica sicurezza ad innalzare il livello di allerta con tutte le misure di dettaglio previste in questi casi.