“Tav opera inutile. Servono infrastrutture anche al Sud”

“Tav opera inutile. Servono infrastrutture anche al Sud”

8 agosto 2019

“A Roma non ci sarà nessuna crisi. Si va avanti”. “Ad Avellino saremo all’opposizione”. Il portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera, Michele Gubitosa, così in una lunga ed articolata intervista rilasciata al “Quotidiano del Sud” al giornalista Antonio Picariello. Diversi gli argomenti toccati, tutti di stretta attualità. Questione Tav. “Noi siamo sempre stati contro quest’opera inutile e antistorica e continueremo ad esserlo. Potevamo investire quei soldi nelle ferrovie del Sud invece che in quel buco senza senso ma non è stato possibile. Per noi non ci sarà nessuna crisi. Si va avanti”.

Alla domanda se la Lega abbia violato il Contratto di Governo, il parlamentare è chiaro: “Siamo una Repubblica Parlamentare e ieri in Senato c’è stato un dibattito politico tra forze politiche che la pensano anche in modo diverso senza per questo mettere in mezzo il Governo. La Lega ha deciso di far proseguire quest’opera che danneggerà l’ambiente alleandosi con il Pd. Fa un favore alla Francia e alle solite lobby, mentre il MoVimento 5 Stelle ha fatto ripartire 600 opere utili ai cittadini”.

Autonomia differenziata, un altro degli argomenti sul tavolo della discussione. “Per me l’autonomia va fatta ma va fatta bene. Se qualcuno ha nostalgie secessioniste e vuole dividere l’Italia in due, ha sbagliato indirizzo. Abbiamo già tolto dalla riforma l’istruzione regionale e garantito l’unità del sistema scolastico. Abbiamo piena fiducia nel Premier Conte, puntiamo ad una riforma equilibrata che non penalizzi in nulla il Mezzogiorno”.

Sull’ipotesi del voto anticipato. “Nessuna paura – afferma Gubitosa in modo netto -. Dobbiamo tagliare le tasse alle imprese, aumentare gli stipendi dei lavoratori, tagliare 345 parlamentari con un risparmio di mezzo miliardo di euro, far ripartire l’economia mettendo soldi in tasca al ceto medio. Se qualcuno volesse mandare tutto all’aria per far ritornare Berlusconi al Governo, non verrà capito dai cittadini”.

Da Roma ad Avellino, il giornalista del “Quotidiano” chiede come mai alle Europee, in città, il MoVimento è il primo partito, mentre in consiglio comunale sono stati eletti due consiglieri. “Abbiamo fatto Quota 100, Decreto Diginità, Reddito di Cittadinanza, Spazzacorrotti, stop alle trivelle e agli inceneritori, interventi per salvaguardare l’ambiente – spiega Gubitosa -. Tutte leggi firmate MoVimento. Ma abbiamo tutta la grancassa mediatica contro e lo sappiamo bene: quando ripetono una bugia mielle volte, molti finiscono per crederci. Lavoriamo duro per i cittadini, non per il consenso”.

“Ad Avellino staremo all’opposizione”. L’onorevole Gubitosa sul punto non ha dubbi. “La città ha scelto Festa e noi onoreremo la fiducia dei tanti avellinesi che hanno scelto Picariello con un’opposizione seria, rigorosa e costruttiva”.

Un’ultima riflessione è sulla questione dei Navigator in Campania. “Ci auguriamo che la guerra che il Governatore De Luca sta facendo a questi ragazzi termini presto”.