Taurano – Il Comune sperimenta la “Scia”

19 ottobre 2011

L’Amministrazione Comunale di Taurano, iniziò con l’istituzione del portale comunale nel settembre del 2009, successivamente sono stati fatti passi da gigante in questo campo. Il Comune oggi è al passo con le ultime direttive in arrivo dal 2011. Un secondo step è stato fatto di recente per quanto concerne l’Albo Pretorio On-line. Infatti venne approvato su proposta dell’Assessore al ramo Gaetano Maffettone, nella seduta del Consiglio Comunale del 26 gennaio 2011, il regolamento dell’Albo Pretorio On-line, reso obbligatorio con il Decreto Legge 225 del 29/12/2010 (Milleproroghe), (GU 303 29/12/2010) che NON contemplava ulteriore proroga d’attuazione. Un terzo step viene realizzato con l’entrata in vigore della SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), che sostituisce la DIA (Denuncia Inizio Attività). Di fatti l’articolo 49, comma 4 – bis del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, disciplina la Segnalazione certificata di inizio attività (Scia), sostituendo integralmente la disciplina della dichiarazione di inizio attività contenuta nell’articolo 19 della legge 7 agosto 1990 n. 241. Il senso di tale riforma è quello della riduzione degli oneri amministrativi per il privato, consentendogli di intraprendere un’attività economica sin dalla data di presentazione di una semplice segnalazione all’Amministrazione pubblica competente. Con l’obiettivo di accelerare e semplificare rispetto alla precedente disciplina contenuta nella legge 241/90, che prevedeva il decorso del termine di trenta giorni prima di poter avviare l’attività oggetto della Dia, la Scia consente di iniziare l’attività immediatamente e senza necessità di attendere la scadenza di alcun termine. La norma richiede espressamente che alla segnalazione certificata di inizio attività siano allegate, tra l’altro, le attestazioni di tecnici abilitati, con gli elaborati progettuali necessari per consentire le verifiche successive di competenza dell’amministrazione. L’Amministrazione competente, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, se possibile, l’interessato provveda a conformare alla normativa vigente la stessa attività ed i suoi effetti entro un termine fissato dall’amministrazione, in ogni caso non inferiore a trenta giorni. Decorso il termine per l’adozione dei provvedimenti, all’amministrazione è consentito intervenire solo in presenza del pericolo di un danno per il patrimonio artistico e culturale, per l’ambiente, per la salute, per la sicurezza pubblica o difesa nazionale e previo motivato accertamento dell’impossibilità di tutelare comunque tali interessi mediante conformazione dell’attività dei privati alla normativa vigente. A proposito di “Dia” e “Scia”, ai sensi del comma 4 – ter dell’articolo 49 della legge n. 122 del 2010, le espressioni “segnalazione certificata di inizio attività” e “Scia” sostituiscono, rispettivamente, quelle di “dichiarazione di inizio attività” e “Dia”, “ovunque ricorrano anche come parte di un’espressione più ampia”, sia nelle normative statali che in quelle regionali. L’Assessore Gaetano Maffettone conclude affermando che la standardizzazione di tali procedure, è a tutto vantaggio degli utenti, cittadini o imprese, che si troveranno di fronte a comportamenti condivisi e, perciò, più uniformi. Ad entrare nella sperimentazione saranno aziende del commercio, della somministrazione di alimenti e bevande. Ed ancora dell’edilizia, dei servizi.