Tar su Ospedale Bisaccia, la nota di Gallicchio

5 dicembre 2012

Pasquale Gallicchio, dirigente provinciale del Partito democratico commenta così la sentenza del Tar sulla questione dell’ospedale di Bisaccia. “Di fronte a quanto deciso l’unico passo da compiere è il ricorso al Consiglio di Stato. Se siamo tutti convinti che la battaglia non può ritenersi chiusa dobbiamo riprenderla con maggiore convinzione, seguendo due strade: quella giudiziaria e quella politica. La prima seguirà il suo corso, mentre la seconda è tutta da costruire. Noi siamo pronti a contribuire affinché si realizzi, ci chiediamo, invece, se le altre forze politiche sono altrettanto pronte con proposte, oppure aspettano in silenzio gli eventi da Napoli che fino a questo momento ci hanno soltanto penalizzati. Ormai è chiaro a tutti che questo risultato è opera di scelte politiche e soltanto un cambio di strategia sanitaria potrebbe tutelare questo versante della provincia di Avellino. L’ impronta della programmazione voluta dalla Regione Campania e attuata dal direttore generale sta presentando il conto salato a tutti i cittadini che hanno preso coscienza a chi indirizzare le responsabilità. Siamo coscienti di aver contribuito a far compiere un passo indietro alla Giunta regionale che ha rivisto le precedenti impostazioni sugli ospedali altirpini, ma tutto ciò pur essendo fondamentale ci spinge a lavorare ancora di più per fare in modo che quanto promesso per Bisaccia venga mantenuto, penso al PSAUT e a tutto il resto. Anche se resta un problema di fondo che riguarda le risorse così come confermato dallo stesso direttore generale a Bisaccia qualche settimana fa”. L’esponente del Pd ricorda che proprio il nodo risorse sarà al centro di una proposta concreta che coinvolgerà i cittadini non solo irpini. “Se vogliamo modificare questo stato di cose – dichiara il dirigente democratico – ci aspetta un impegno costante fatto di iniziative che possano far aprire spiragli di discussione nei luoghi dove si decide, in questo caso il Consiglio regionale e il governo centrale. Ecco perché la sanità deve entrare di prepotenza nelle proposte elettorali che dalla provincia di Avellino approderanno in Parlamento a primavera e in Consiglio regionale nei prossimi mesi della legislatura. Così, sabato 8 dicembre alle ore 17.30 a Bisaccia presso il circolo del Pd – annuncia Gallicchio – si terrà il direttivo allargato a tutti gli iscritti. Sarà un momento operativo. Metteremo a punto la macchina organizzativa per iniziare la raccolta di firme finalizzata ad ottenere che le risorse risparmiate dalla nostra Asl siano reinvestite per l’80 per cento nella stessa Asl di Avellino e che il restante 20 per cento possa finire in un fondo di solidarietà per la aziende sanitarie locali aventi i conti in rosso. Un criterio che potrebbe essere posto alla base di una legge regionale, valida per tutte le aziende sanitarie locali. La nostra iniziativa si allargherà ai paesi vicini fino a coinvolgere l’intera provincia, anche se tenteremo di replicarla nel resto della Campania mettendo a frutto la capillare rete del Partito democratico, e la disponibilità di tutti coloro i quali vorranno darci una mano”.