Sviluppo post sisma, la Uil rilancia l’unità per Patto provinciale

23 novembre 2010

Avellino – A pochi giorni dalla discussione in Consiglio provinciale sul Patto per il lavoro e lo sviluppo, e soprattutto a 30 anni di distanza dal sisma che ha colpito l’Irpinia nel 1980, la Uil irpina tira le somme e rilancia la sfida per lo sviluppo. Presso il centro sociale “Samantha della Porta”, si è infatti riunito il direttivo provinciale del sindacato. Presenti tra gli altri il segretario provinciale, Franco De Feo, il leader regionale, Anna Rea, ed il segretario provinciale della Uilm, Gaetano Altieri. In considerazione del gravissimo ritardo infrastrutturale, della grave crisi che ha messo in seria difficoltà interi settori, metalmeccanico, edile e tessile in primis, il segretario provinciale Franco de Feo, che ha effettuato un lungo excursus sulle vicende irpine dal sisma ad oggi, ha rimarcato la necessità di “tenere alto il livello di concertazione con la politica”, soprattutto alla luce degli appuntamenti decisivi in programma nei prossimi giorni in relazione al patto provinciale. “Prima del consiglio provinciale, in programma sabato prossimo – ha sottolineato – vi saranno due importanti incontri con gli assessori regionali Severino Nappi (Lavoro) e Sergio Vetrella (Infrastrutture), a seguito dei quali mi auguro che riusciremo ad arrivare all’appuntamento in Provincia forti degli impegni della Regione sui punti più importanti del “Patto”. Quindi – ha spiegato – dopo il Consiglio provinciale, nella prima parte di dicembre saranno convocati gli Stati Generali , che riuniranno tutte le forze politiche e sindacali, e che dovranno servire a condividere un documento definitivo proprio a partire dalla linee tracciate nel Patto”. La necessità di recuperare un’azione sinergica, specialmente tra le forze sindacali, e fare del trentennale del sisma un’occasione per sollecitare con forza la politica e far ripartire finalmente lo sviluppo è stata evidenziata anche dal segretario regionale della Uil, Anna Rea. Le considerazioni del leader regionale del sindacato hanno investito anche la delicata questione dei rifiuti. Diversamente da quanto precedentemente sostenuto da Franco De Feo, che sottolineato come l’Irpinia abbia già dato tanto, Rea ha infatti invocato un gesto di solidarietà da parte delle province campane, in considerazione della difficoltà oggettiva che vive il napoletano.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.