Sviluppo: a fine anno i decreti di finanziamento contratto d’area

19 dicembre 2005

Avellino – Provincia, Confindustria Avellino, Sindacati e Asi: oggi il tavolo di governo. L’incontro ha affrontato alcune delle tematiche relative allo sviluppo industriale della provincia: infrastrutturazione primaria delle aree deputate agli investimenti industriali e mancanza di disponibilità di lotti industriali dovuta all’annoso ed irrisolto problema delle curatele fallimentari. “L’insieme delle azioni di marketing territoriale che la Provincia e gli altri soggetti deputati alla crescita produttiva del territorio stanno mettendo in campo – si legge nella nota – per l’Irpinia competitiva in termini di attrattività di investimenti esterni sono, infatti, fortemente invalidate dalla deficienza di servizi e di lotti industriali”. Il confronto fra gli intervenuti, il Presidente Sarno e il Direttore Maioli per l’Unione degli Industriali, il Presidente Foglia per l’Asi, il segretario Provinciale Cisl, Enrico Ferrara, il rappresentante della Uil, Franco De Feo e la Presidente della Provincia, Alberta De Simone, ha portato all’individuazione di azioni concrete ed immediate da porre in essere per avviare il percorso di risoluzione delle questioni affrontate: lotti industriali sottoposti a curatela fallimentare (la Provincia di Avellino inviterà i Presidenti competenti territorialmente ad un incontro per analizzare l’evoluzione delle curatele e i metodi da adottare per liberare i lotti industriali dalle dipendenze giudiziarie e renderli disponibili per nuovi investimenti) e i disservizi delle utilities e delle infrastrutture primarie (sarà convocata una conferenza di servizi, cui saranno inviati oltre ai componenti del ‘Tavolo di governo’ i responsabili territoriali di Enel, Telecom, Anas e i gestori delle reti del Gas). “Alla luce della nota del Ministero delle Attività Produttive – ha affermato Ferrara – che ha stabilito il ritorno degli immobili delle aziende fallite nella disponibilità dell’Asi, è necessaria una comune valutazione da parte delle istituzioni locali, delle forze sociali e dei Tribunali rispetto alla possibilità di separare le procedure di vendita dei beni per soddisfare i creditori e l’utilizzazione dei capannoni per promuovere (anche attraverso la soluzione del fitto) nuove iniziative imprenditoriali”. Nel corso dell’incontro, infine, la Presidente De Simone ha informato i presenti della probabile pubblicazione, entro la fine dell’anno, dei decreti di finanziamento per i fondi del contratto d’area a finanza regionale.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.