Strade nuove, Mercatone e centro per l’autismo: il Comune accelera

Strade nuove, Mercatone e centro per l’autismo: il Comune accelera

26 settembre 2017

Una maxi modifica approvata dalla giunta comunale, stamane, che punta da un lato a migliorare il volto della città e dall’altro a recuperare alcune delle storiche opere incompiute. «Abbiamo approvato il progetto preliminare per la manutenzione straordinaria delle strade cittadine, un investimento di circa 1,2 milioni di euro», annuncia l’assessore ai lavori pubblici, Costantino Preziosi.

Le strade interessate saranno molte a cominciare da quella più centrale e trafficata che va da via Troncone fino a piazza Kennedy, ma verranno rifatte anche via Volpe e la zona di Quattrograne.

«Interverremo su buona parte delle strade cittadine – spiega Preziosi. L’approvazione del progetto preliminare ci consente di passare alla fase successiva, ovvero chiedere il mutuo alla cassa Depositi e Prestiti». L’iter, però, non sarà breve perché solo dopo il via libera da parte di quest’ultima si potrà passare alla progettazione esecutiva e quindi mettere a bando i lavori. Se non dovessero esserci intoppi i lavori partiranno solo la prossima primavera.

Questo intervento è stato inserito dalla Giunta nel nuovo piano triennale delle opere pubbliche dove sono confluiti anche due projectfinancing: il rifacimento del Mercatone per circa 9 milioni di euro e l’efficientamento energetico degli edifici comunali per circa 1,2 milioni di euro. Oltre a questi due progetti, ci sono altri interventi inseriti nel nuovo piano come la realizzazione della rotatoria nella zona di San Ciro con annessa pista ciclabile lungo viale Italia (circa 300 mila euro) e il completamento del Centro per l’Autismo (360 mila euro).

«In quest’ultimo caso – precisa Preziosi – avevamo già approvato il progetto esecutivo. L’inserimento nel piano triennale è solo un fatto tecnico perché l’iter sta già andando avanti con la devoluzione dei mutui che è statarichiesta alla cassa Depositi e Prestiti. I lavori riguarderanno la sistemazione della pavimentazione nella corte, tutta l’impiantistica illuminotecnica all’interno del centro. Mentre all’esterno realizzeremo i muretti a confine con la strada di accesso e la parte retrostante, i parcheggi con l’illuminazione e i cancelli e gli allacci dei sottoservizi».

Anche in  questo caso, però, i tempi non saranno immediati perché il tutto si trova nella sua fase embrionale. «Una volta partiti i lavorici vorranno 3 o 4 mesi per completarli – spiega Preziosi. Prima di tutto la cassa Depositi e Prestiti deve accettare la devoluzione dei mutui che abbiamo richiesto, poi potranno partire con le procedure di gara e quindi i lavori subito dopo. Se riusciamo a farli iniziare entro la fine dell’anno, allora per la primavera inoltrata avremo terminato i lavori».